LA-U dell'ulivo
Ottobre 18, 2018, 05:36:32 *
Benvenuto, Visitatore. Per favore, effettua il login o registrati.

Login con username, password e lunghezza della sessione
News:
 
   Home   Help Ricerca Calendario Login Registrati  
Pagine: [1]
  Stampa  
Autore Topic: Palazzo Chigi, schiaffo a Bertinotti: "Dimostra scarso senso dello Stato"  (Letto 1290 volte)
Admin
Visitatore
« il: Dicembre 06, 2007, 10:02:33 »

5/12/2007 (18:43) -

SI ROMPE L'ALLEANZA TRA IL PREMIER E IL PRESIDENTE DELLA CAMERA

Palazzo Chigi, schiaffo a Bertinotti: "Dimostra scarso senso dello Stato"
 
Il sottosegretario Micheli commenta le frasi del presidente della Camera: «Ha colpito il premier a piedi uniti»

ROMA


Fausto Bertinotti non indietreggia. Il Presidente della Camera «conferma» la sua intervista di martedì in cui dichiarava «fallita» l’esperienza dell’Unione e definiva «morente» il governo Prodi. Ma una durissima replica durissima arriva dal sottosegretario alla presidenza Enrico Micheli, che accusa Bertinotti di «affievolimento del senso dello Stato».

La nota di Micheli
«Non ricordo precedenti nel mondo politico, quanto meno occidentale, in cui lo speaker di un ramo del Parlamento entri a piedi uniti sulla situazione politica attuale colpendo direttamente e senza il minimo di umorismo, il Presidente del Consiglio in carica», afferma Micheli. «Purtroppo - aggiunge - anche questo è il segno di un ricorrente, diffuso affievolimento del senso dello Stato». Uno scontro al limite della crisi istituzionale tra potere esecutivo e legislativo. A fianco del Professore si schiera il segretario del Pd, Valter Veltroni, che esprime «solidarietà» al governo e sgombra il campo dalle tentazioni di un governo istituzionale.

E la maggioranza scricchiola
La maggioranza intanto risente delle tensioni, come dimostrano i pericolosi sbandamenti in Senato sul decreto sicurezza. Al «question time» alla Camera, il ministro Giulio Santagata ha risposto indirettamente a Bertinotti ricordando quanto fatto dall’esecutivo in questi 18 mesi per i precari e le fasce deboli, i temi cioè su cui il Prc ha chiesto la verifica a gennaio. Il tutto davanti a Bertinotti che presiedeva i lavori. Bertinotti ha poi «confermato» la sua intervista, alla quale si sono aggiunte le parole degli altri esponenti del Prc, a partire dal segretario Franco Giordano. «Ormai anche i ciechi vedono che c’è un profondo malessere nella società italiana» e riguarda temi precisi: salari e precarietà, su cui Rifondazione incentrerà la verifica di gennaio.

Ma Rifondazione non arretra: «Prodi prenda le distanze»
Verifica, avverte Giordano, «il cui esito non è affatto scontato». «Questo governo e questa maggioranza - ha detto il ministro Paolo Ferrero - rispetto alle aspettative che aveva creato, ha deluso moltissimo» e lo dimostrerebbe la minaccia di sciopero generale delle confederazioni sindacali. Insomma, Rifondazione non arretra, nonostante l’irritazione degli alleati della «Cosa Rossa». Alleati con cui il Prc è in contrapposizione anche sulla legge elettorale. Il Pd ha fatto quadrato attorno a Prodi, con Veltroni che gli ha espresso la «massima solidarietà», sottolineando che, «se venisse messo in discussione il governo», salterebbe anche la riforma elettorale, che sta a cuore al Prc. Un modo per dire che non ci si deve illudere sulla possibilità di arrivare ad una nuova legge elettorale con un governo istituzionale.

Migliore: «Micheli si scusi»
Le critiche più dure contro Bertinotti si levano dal governo, con Cesare Damiano, Emma Bonino e poi con una nota del sottosegretario alla presidenza Enrico Micheli. «A me il presidente della Camera - ha detto Bonino - sembra un esempio evidente dell’impazzimento istituzionale, il presidente della Camera fa il capopopolo». Per Damiano le parole di Bertinotti su Prodi sono «sbagliate e ingenerose» E poi nel tardo pomeriggio Micheli, braccio destro di Prodi e personaggio proverbiale per la sua riservatezza, detta la nota durissima. Immediata la replica del capogruppo Prc alla Camera, Gennaro Migliore: «A Micheli chiedo se non sia il caso di scusarsi per l’enormità dell’accusa e a Prodi se non sia il caso di prendere pubblicamente le distanze».

da lastampa.it
Loggato
Pagine: [1]
  Stampa  
 
Salta a:  

Powered by MySQL Powered by PHP Powered by SMF 1.1.19 | SMF © 2006-2007, Simple Machines
Traduzione Italiana a cura di SMItalia
XHTML 1.0 Valido! CSS Valido!


Google visited last this page Settembre 20, 2018, 05:15:13