LA-U dell'ulivo
Ottobre 21, 2019, 02:30:22 am *
Benvenuto! Accedi o registrati.

Accesso con nome utente, password e durata della sessione
Notizie:
 
   Home   Guida Ricerca Agenda Accedi Registrati  
Pagine: [1]
  Stampa  
Autore Discussione: Soros e altri 17 miliardari: «Adesso fate pagare più tasse ai ricchi»  (Letto 317 volte)
Arlecchino
Global Moderator
Hero Member
*****
Scollegato Scollegato

Messaggi: 5.598


Mostra profilo
« inserito:: Giugno 29, 2019, 05:49:01 pm »

USA

Soros e altri 17 miliardari: «Adesso fate pagare più tasse ai ricchi»

Di Angelo Mincuzzi
24 Giugno 2019

Questa volta non sono i reduci di “Occupy Wall Street” a sguainare la sciabola e a chiedere più tasse per i ricchi e più uguaglianza per tutti. No, questa volta la richiesta arriva da un insolito club di miliardari che vede schierati il finanziere George Soros e suo figlio Alexander, uno dei creatori di Facebook, il 35enne Chris Hughes, i fondatori del fondo d'investimento Blue Haven Initiative, Liesel Pritzker Simmons e Ian Simmons, e Abigail Disney, regista ed ereditiera della famiglia di Walt Disney.

GUARDA IL VIDEO / “Tassateci” appello miliardari americani a candidati dem
Con una lettera pubblicata sul web e rivolta a tutti i candidati alle elezioni presidenziali Usa del 2020, diciotto ultraricchi appartenenti a 11 famiglie dal pedigree ormai americano (più un anonimo) chiedono ai politici che si contenderanno la Casa Bianca di aumentare, per favore, le loro tasse.
In nome dell'etica, del patriottismo e del sogno americano i 18 firmatari della lettera chiedono l'istituzione di una tassa sulla ricchezza che colpisca lo 0,1% più benestante del paese, cioè quella parte degli Stati Uniti che custodisce - scrivono i miliardari - la stessa ricchezza posseduta dal 90% degli americani.

GUARDA IL VIDEO / Più tasse ai ricchi, la prima battaglia di Ocasio-Cortez
I “diciotto” si schierano al fianco di un progetto della senatrice democratica del Massachusetts Elizabeth Warren, che ha proposto una tassa sulla ricchezza delle 75mila famiglie più facoltose del paese. Si tratterebbe - scrivono i “diciotto” nella lettera - di tassare con un 2% aggiuntivo gli asset posseduti oltre il valore di 50 milioni di dollari e con una ulteriore imposta addizionale dell'1% sopra il valore di un miliardo di dollari.

«Se possedete 49,9 milioni di dollari - spiegano i firmatari - non pagherete questa tassa. Si stima che l'imposta potrà generare circa 3mila miliardi di introiti fiscali in dieci anni». I fondi, nelle intenzioni dei firmatari, dovrebbero andare a finanziare l'innovazione, le energie rinnovabili per limitare il climate change, potrebbero essere destinati a finanziare borse di studio per gli studenti, infrastrutture per modernizzare il paese, rendere migliore la sanità e ridurre le imposte per i meno abbienti.

GUARDA IL VIDEO / Bill Gates contro Trump, «più tasse per ricchi come me»
Non è la prima volta che dall’élite degli Stati uniti si levano proteste per l'aumento delle diseguaglianze fiscali. Gli stessi firmatari della lettera ricordano che in passato il miliardario Warren Buffet, fondatore Berkshire Hathaway, rimarcò il fatto di essere tassato meno della sua segretaria.

Nel 2019 - sostengono oggi i 18 miliardari - lo 0,1% più ricco degli Stati Uniti pagherà il 3,2% della sua ricchezza in tasse mentre il rimanente 99% degli americani verserà il 7,2% delle proprie. Ecco perché «il prossimo dollaro delle nuove entrate fiscali dovrebbe provenire dalla parte più economicamente fortunata, non dagli americani a reddito medio e a reddito inferiore», dichiarano nella lettera.

Ma non basta. I diciotto ultraricchi affermano anche che una misura del genere sarebbe utile per almeno sei ragioni. Le elencano punto per punto e sottolineano che un'imposta che finanzi gli investimenti pubblici innovativi e tecnologici avrebbe l'effetto di aumentare la produttività del paese sul lungo termine. Darebbe quindi un vantaggio competitivo all'America.

PER SAPERNE DI PIU’ / Nelle mani di 22 milioni di paperoni il 50% della ricchezza finanziaria mondiale
Ma avrebbe anche un effetto più “politico” riducendo le diseguaglianze che minano la democrazia e favoriscono la concentrazione del potere nelle mani di pochi plutocrati. I “diciotto” invocano il patriottismo e si appellano al sogno americano che, dicono, verrebbe rafforzato da una misura del genere.

«Divisione e insoddisfazione - scrivono - sono esacerbate dalla disuguaglianza, che porta a livelli alti la sfiducia nelle istituzioni democratiche. Questa è una delle ragioni per cui non consideriamo una tassa sulla ricchezza come un sacrificio da parte nostra: crediamo che istituire un’imposta porterebbe alla stabilità politica, sociale ed economica. Una tassa sulla ricchezza è patriottica».
La proposta dei diciotto ultraricchi è suffragata da un recente rapporto della Federal Reserve secondo la quale negli ultimi 30 anni l'1% più ricco degli Stati Uniti ha visto le proprie fortune crescere complessivamente di 21mila miliardi di dollari mentre il 50% inferiore ha perso 900 miliardi di dollari. Cifre che dimostrano un pericoloso allargamento della forbice sociale.
Secondo la Fed nel 1989 l'1% più facoltoso possedeva il 20,7% della ricchezza del paese, il 50 inferiore ne possedeva il 7,4%. Trent'anni dopo, nel primo trimestre del 2019, l'1% possiede il 27,7 delle ricchezze totali, il 50% inferiore il 5,8%. Nel 1989, inoltre, i più ricchi del paese investivano in azioni e fondi comuni solo il 16,7 della loro ricchezza: oggi questa percentuale è salita al 38,2%. «Quelli di noi che firmano questa lettera possiedono insolite fortune - scrivono i diciotto -, ma ognuno di noi vuole vivere in un'America che risolva le più grandi sfide del nostro futuro».

Chi l'avrebbe mai detto che gli indignati di Zuccotti Park avrebbero trovato degli adepti così importanti otto anni dopo le manifestazioni di “Occupy Wall Street”. Ma meglio tardi che mai.

Da ilsole240re.com
Registrato
Pagine: [1]
  Stampa  
 
Vai a:  

Powered by MySQL Powered by PHP Powered by SMF 1.1.21 | SMF © 2015, Simple Machines XHTML 1.0 valido! CSS valido!