LA-U dell'ulivo
Ottobre 22, 2018, 04:21:25 *
Benvenuto, Visitatore. Per favore, effettua il login o registrati.

Login con username, password e lunghezza della sessione
News:
 
   Home   Help Ricerca Calendario Login Registrati  
Pagine: [1]
  Stampa  
Autore Topic: Dalla raccolta alle aste al «doppio ribasso» della Grande distribuzione:...  (Letto 88 volte)
Arlecchino
Global Moderator
Hero Member
*****
Offline Offline

Posts: 5.079


Guarda Profilo
« il: Agosto 10, 2018, 06:05:01 »

Dopo la tragedia di Foggia

Dalla raccolta alle aste al «doppio ribasso» della Grande distribuzione: chi decide il prezzo del pomodoro

Di Nino Amadore 07 agosto 2018

C’è il pomodoro ciliegino e c’è quello a cuore di bue. C’è il San Marzano insalataro, quello da sugo e il pomodoro costoluto. Il pomodoro tondo a campo aperto e quello da serra. Sono nove le varietà considerate dalla tabella non destinata ai consumatori ma agli addetti ai lavori e pubblicata sul sito dell’Ismea, l’Istituto di servizi per il mercato agricolo e alimentare. È possibile trovare tutti i prezzi alla produzione, mese per mese, dell’ortofrutta (insieme tanti altri prodotti del settore) e tra questi i prezzi del pomodoro fresco, in questo caso, destinato alle nostre tavole: senza scendere nei particolari delle singole varietà il prezzo medio a luglio era di 68 centesimi al chilo. 

    i braccianti morti 07 agosto 2018
Salvini a Foggia: guerra al caporalato, svuoteremo i ghetti

Prezzi teorici ovviamente perché, come vedremo, il prezzo di vendita del prodotto non varia solo sulla base del rapporto tra quantità disponibile e domanda di mercato ma tanti altri fattori che coinvolgo la filiera: dal produttore, al trasformatore (sia che si tratti di pomodoro destinato all’industria che di prodotto fresco), al venditore finale. Perché quello che ci accingiamo a fare è un viaggio nell’incertezza che sembra avere un punto fermo: il venditore finale, la Grande distribuzione organizzata per essere più espliciti, ha sempre il coltello dalla parte del manico. Ci sono punti fermi, certo, ma sono abbastanza teorici (al netto sempre di condizionamenti ambientali che possono d’un tratto cambiare lo scenario). Un punto fermo, all’apparenza, è l’Accordo quadro che ogni anno viene firmato tra le Op (Organizzazioni di produttori) e l’Anicav (Associazione nazionale industriali conserve vegetali) aderente a Confindustria. Gli Accordi in verità sono due: uno per il Bacino del Centro-Sud e l’altro per il Nord.

    Prezzo oltre 200 euro/tonnellata 26 luglio 2018
Il caldo rovina i raccolti, grano al record da tre anni in Europa

Quest’anno l’accordo per il bacino del Centro-Sud prevede un prezzo di riferimento medio di 87 euro per tonnellata (0,87 centesimi di euro al chilo) per il pomodoro tondo e 97 euro a tonnellata (0,97 centesimi al chilo) per il pomodoro lungo. L’Accordo per il Nord prevede invece un prezzo di riferimento medio di 79,75 euro a tonnellata (solo per il pomodoro tondo perché quello lungo al Nord non viene prodotto). Fin qui la teoria, visto che poi la prassi è completamente diversa perché «in verità il prezzo del pomodoro è destinato a cambiare dopo le aste dei grandi acquirenti di prodotto (la Gdo appunto) che vengono fatte tra aprile e maggio quando le industrie si stanno mettendo in moto e il pomodoro è ancora nei campi lontano dall’essere raccolto», spiega Fabio Ciconte, giornalista e curatore insieme a Stefano Liberti, nell’ambito della campagna #Filierasporca, del rapporto “Spolpati - la crisi dell’industria del pomodoro tra sfruttamento e insostenibilità”, la cui quarta edizione sarà disponibile a ottobre. E dopo le prime battute d’asta, spiega, gli industriali possono seguire due strade: rinunciare a vendere alla Gdo oppure rivalersi sugli agricoltori costretti a rivedere al ribasso i prezzi del prodotto. Resta fuori da questo giro chi è alla ricerca di prodotto di qualità ed è disposto a pagare il giusto. In questa dinamica ci sono altri fattori che non vanno sottovalutati: nonostante il prezzo sia stato di fatto stabilito dalle aste può capitare, per esempio, che il prodotto a disposizione diminuisca improvvisamente (magari a causa delle piogge) e al quel punto si va a trattativa privata e il prezzo è destinato ad aumentare.

    Filiere 4 marzo 2017
Tetto al raccolto di pomodoro al Nord

Quello delle aste, quasi un gioco alla roulette per citare un articolo scritto da Ciconte per internazionale, è un sistema che, spiegano da Coldiretti, sta strangolando gli agricoltori: «Vanno bloccate con norme nazionali. Occorre intervenire al più presto - dice Ettore Prandini, vicepresidente nazionale di Coldiretti». Come funzionano queste aste? Sono al doppio ribasso e prevedono che i fornitori di un prodotto facciano una prima offerta di prezzo di vendita e che poi quel valore diventi la base di riferimento per una seconda asta online dove i partecipanti devono scendere ancora per aggiudicarsi la commessa. E così, racconta ancora Ciconte, «un imprenditore si è ritrovato con un prezzo di 31,5 centesimi per un barattolo di passata di pomodoro da 700 grammi e ha rinunciato. Quei 31,5 centesimi servivano a pagare anche la confezione, l’etichetta e tutto il resto». Un prezzo che anche agli occhi di un profano appare insostenibile.

    agroalimentare 25 novembre 2017
Anicav: per il pomodoro etichetta d’origine obbligatoria anche in Europa

Per rimanere alla teoria, visto che la pratica è cosa molto diversa, possiamo ancora dire che il prezzo del prodotto può dipendere dalla produzione c0mplessiva. Secondo Coldiretti quest’anno la raccolta del pomodoro da destinare a pelati, polpe, passate, concentrato e sughi pronti registrerà una riduzione del 9% rispetto all’anno scorso. Le aspettative per l’intera stagione in Italia sono di un raccolto attorno ai 4.750.000 tonnellate: benzina per un comparto che coinvolge circa 7.000 imprese agricole, oltre 100 imprese di trasformazione e 10mila addetti e che esporta in tutto il mondo derivati del pomodoro per due miliardi di euro. Ma il prodotto, insiste Ciconte, sta perdendo le sue peculiarità tutte italiane ed è diventato per il sistema commerciale una commodity, «una merce standardizzata che perde peculiarità e qualità tipiche del luogo di produzione».

© Riproduzione riservata

Da - http://www.ilsole24ore.com/art/notizie/2018-08-07/dalla-raccolta-aste-doppio-ribasso-grande-distribuzione-chi-decide-prezzo-pomodoro-153709.shtml?uuid=AEdM1MYF
Loggato
Pagine: [1]
  Stampa  
 
Salta a:  

Powered by MySQL Powered by PHP Powered by SMF 1.1.19 | SMF © 2006-2007, Simple Machines
Traduzione Italiana a cura di SMItalia
XHTML 1.0 Valido! CSS Valido!


Google visited last this page Ottobre 18, 2018, 07:04:33