LA-U dell'OLIVO
Maggio 20, 2024, 05:43:45 pm *
Benvenuto! Accedi o registrati.

Accesso con nome utente, password e durata della sessione
Notizie:
 
   Home   Guida Ricerca Agenda Accedi Registrati  
Pagine: [1]
  Stampa  
Autore Discussione: Ci si comincia a rendere conto quanto deve chiarire al suo interno il governo?  (Letto 944 volte)
Admin
Administrator
Hero Member
*****
Scollegato Scollegato

Messaggi: 30.464



Mostra profilo WWW
« inserito:: Febbraio 02, 2024, 04:54:23 pm »

OLIVO POLICONICO e TERRITORIO. PIATTAFORMA INDIPENDENTE di C. S.
Gruppo Privato
  ·
Membri: 77
Gruppo di Gianni Gavioli
OLIVO POLICONICO e TERRITORIO. PIATTAFORMA INDIPENDENTE di C. S.
Gruppo Privato

Gianni Gavioli
Amministratore

Focus (nel senso di una infezione evidente) nel PD.
Che peccato!
ggg
iltempo.it
Sondaggi, Pd da ridere. Il centrodestra: "Ci arrendiamo...", il caso Firenze

---
Gianni Gavioli
Amministratore

Se sono fandonie, dette dai soliti falsari, il PD e il 5Stelle devono smentirle precisando.
Le testate faziose non devono stravolgere i fatti, o sostenere il falso senza avere reazioni e sanzioni.
ciaooo
iltempo.it
Ilaria Salis, Barelli smaschera la sinistra: "Sono testimone", colpo di scena in diretta

---
Gianni Gavioli
Amministratore
Esperto del gruppo in Virtual Reality

Si comincia a renderci conto di quanto deve chiarire al suo interno l'attuale governo.
Ma anche di cosa ci siamo già perso, come Nazione Europea e come Italiani.
ggg
video.repubblica.it

Metropolis/491 - 'Piano Matteo'. Perché Salvini attacca Ilaria Salis. Con Baldino, Giannini, Ghisleri, Quirico, Serracchiani (integrale)


Gianni Gavioli
Amministratore
Esperto del gruppo in Virtual Reality

Sapere contro chi sarebbe già formativo della Gente.
ggg

In Polonia il centrosinistra si sta battendo per garantire il ritorno del diritto all'aborto
lespresso.it
In Polonia il centrosinistra si sta battendo per garantire il ritorno del diritto all'aborto
La normativa attuale prevede un divieto quasi totale di interrompere volontariamente la gravidanza. Ora il neopremier Tusk annuncia un progetto di legge per «ri


Gianni Gavioli
Amministratore
Esperto del gruppo in Virtual Reality
 
Ci sono molte realtà italiane da tornare a considerare, con molta attenzione, dopo averle deturpate e sciupate.
Per esempio:
RICONSIDERARE LA NOSTRA REALTA' SOCIALE, come valore.
LA CULTURA DELLA CONOSCENZA NEI GIOVANI, come valore.
LA FAMIGLIA, come valore.
IL MONDO DEL LAVORO, come valore.
L'AMICIZIA, come valore.
LA COMPETIZIONE ONESTA, come valore.
I CONSUMI INTELLIGENTI E RAZIONALI CHE NON SONO IL MINIMALISMO CHE FA RITORNARE POVERI.   
ggg


Gianni Gavioli
Amministratore
Esperto del gruppo in Virtual Reality
  ·   ·
OLIVO POLOCONICO
Piattaforma Territoriale, d'Informazione e Comunicazione Sociale e Politica, per la Base di Elettori di Centro e di Sinistra.
Democrazia Futura. Piattaforma politica, nella sua accezione tradizionale
key4biz.it
Democrazia Futura. Piattaforma politica, nella sua accezione tradizionale
Terzo contributo accademico relativo alla voce piattaforma Politica, ma questa volta nel suo significato tradizionale.

---
Gianni Gavioli
Amministratore
Esperto del gruppo in Virtual Reality
  ·   ·
La Costituzione è ciò che ci tiene insieme come con-cittadini.
Il fondamento della nostra Costituzione ha un nome preciso: si chiama Resistenza antifascista.
Ma la storia della Repubblica italiana sarà anche la storia della disapplicazione della Costituzione e del logoramento costante e accanito del suo fondamento antifascista.
La difesa della Costituzione è dunque una lotta quanto mai attuale e a questo tema è dedicato il volume di MicroMega che apre l’anno, con contributi che analizzano in che modo i vari aspetti della Costituzione siano stati negli anni calpestati. Si va dal tema della sovranità popolare al ruolo del parlamento, dalla centralità che la nostra Costituzione assegna al lavoro alla libertà di informazione, passando per il diritto alla salute, quello a una scuola pubblica e laica, il principio di progressività fiscale e tanti altri temi. Con contributi di: Paolo Flores d’Arcais, Paolo Berizzi, Gustavo Zagrebelsky, Roberto Scarpinato, Pierfranco Pellizzetti, Marilisa D’Amico, Telmo Pievani, Norma Rangeri, Silvio Garattini, Marina Boscaino, Matteo Losana, Ines Ciolli, Luca Tescaroli, Gaetano Azzariti, Mario Barbati.
Arricchiscono il volume sette lettere inedite di Norberto Bobbio. Il grande filosofo e giurista scomparso esattamente vent’anni fa ha intrattenuto con il direttore di MicroMega un lungo carteggio in cui rifletteva sui travagli della sinistra negli anni successivi alla svolta della Bolognina.
...

IL SOMMARIO DEL NUMERO
La linea generale
Paolo Flores D’Arcais – La filigrana della Costituzione: ora e sempre Resistenza
La Costituzione ha tratto origine dal fatto storico della Resistenza antifascista, in armi e vittoriosa: lì risiede la sua fondazione, nonché la trama dell’intero testo. Ma fin dall’inizio, la “costituzione materiale” si è contrapposta alla Carta: l’apparato dello Stato, ai suoi vari livelli istituzionali, è rimasto sostanzialmente lo stesso del Ventennio fascista. La storia della Repubblica italiana è dunque anche la storia della disapplicazione della Costituzione.
Paolo Berizzi – Il DNA antifascista della Costituzione
La nostra Costituzione nasce dall’antifascismo come lotta e come valore. In tutti questi anni, la persistenza di gruppi neofascisti nel tessuto sociale e politico italiano è stata sottovalutata, tanto che oggi questi movimenti, oltre a vivere nella dimensione sociale, si sono potuti integrare nel Palazzo influenzando la politica a livello sia locale sia nazionale. Siamo di fronte al pericolo di una nuova torsione fascista e dobbiamo stare tutti in allarme.
Gustavo Zagrebelsky – Identità e responsabilità: il significato costituzionale dell’essere italiani
Se si guarda all’identità italiana con la lente della Costituzione, allora non si potrà che porre l’accento sulla responsabilità civica e sui valori fondamentali di Repubblica, democrazia e lavoro. Contro la visione mediocre dell’italianità ridotta a stereotipi che non sono più buoni neanche per il marketing. Essere italiani significa innanzitutto essere antifascisti e partecipare attivamente, e in chiave solidaristica, alla vita del Paese.
Roberto Scarpinato – La Costituzione e i suoi nemici
La Costituzione disegnava un’Italia ideale, proiettata nel futuro, diversa da quella che usciva ammaccata dal fascismo e soprattutto diversa da quella che avevano in mente i grandi potentati, che fin dal primo momento non hanno smesso di sabotarla attraverso una costante strategia della tensione, fatta di stragi e depistaggi. Da Portella della Ginestra fino ad arrivare ai tentativi meno cruenti, ma non meno infidi, di smontarla dall’interno del Palazzo, con la scusa della governabilità. Anche oggi, come allora, è un tempo di resistenza, per difendere le acquisizioni dell’antifascismo e un’idea di società opposta a quella delle élite.

Iceberg 1: princìpi fondamentali
Pierfranco Pellizzetti – Fondata sul lavoro
Il presidio di democrazia fondamentale rappresentato dal lavoro, l’abbrivio della nostra Costituzione, dipende innanzitutto dalla sua dimensione conflittuale e di classe: contrastare, mettendosi al centro dei processi produttivi, la tendenza padronale a passare dall’egemonia al dominio; la sua intrinseca avidità, che tende alla mercificazione sistematica e all’accumulazione per esproprio, e che persegue il fine, per la via finanziaria e per quella tecnologica, di poter fare a meno dei lavoratori. E se vengono a mancare i lavoratori, viene a mancare la democrazia.
Marilisa D’Amico – Donne e uomini dall’Assemblea costituente alle sfide di oggi
Le madri costituenti ebbero un ruolo fondamentale nel far sì che la Carta costituzionale non riflettesse i pregiudizi patriarcali della classe politica del tempo (molti dei quali ancora vigenti). La parità di genere era esplicitamente nei loro orizzonti, anche se la strada per ottenerla pienamente nel nostro Paese è ancora molto lunga e passa anche da come saranno affrontate le sfide dell’innovazione.
Telmo Pievani – Nemici della scienza, nemici della democrazia
La difesa dell’ambiente come dovere costituzionale, innanzitutto verso le future generazioni, è una delle novità introdotte da poco nella nostra Carta, che parla della necessità di un intervento urgente, coraggioso, in direzione ecologica. Le classi dirigenti e il dibattito pubblico sono molto al di qua di questo orizzonte lungimirante, e a farne le spese è la qualità della democrazia. Che si nutre anche del confronto delle idee nel campo scientifico, purché sia un confronto impostato secondo il metodo della scienza, non quello della demagogia ignorante e chiacchierona dei talk show.

Iceberg 2: diritti e doveri dei cittadini
Norma Rangeri – Libertà e pluralità dell’informazione
La Costituzione italiana si distaccava profondamente dal Ventennio fascista quando con l’articolo 21 proclamava il diritto di libera manifestazione del pensiero. Ma i poteri politici ed economici e le concentrazioni degli stessi nelle mani di oligopoli o monopoli di fatto hanno reso sempre molto difficile garantire una concreta pratica di questo diritto, specialmente per quanto riguarda il giornalismo. Con conseguenze dirette e drammatiche per la salute della società democratica.
Silvio Grattini – Per una Sanità pubblica secondo Costituzione
Le disuguaglianze sociali, ma anche di genere e generazionali, sono sempre esistite nella sanità italiana, che è ben lungi dal realizzare il diritto fondamentale alla salute per tutti sancito dalla nostra Carta fondamentale. Le opportunità per migliorare sono tante, ma occorre con urgenza che la salute sia sottratta alle logiche del profitto e ricondotta a quelle dell’interesse pubblico della società democratica.
Marina Boscaino – Scuola, un sogno democratico sempre più a rischio
Dalla visione di Piero Calamandrei alla realtà di oggi, in questi decenni di vita democratica la scuola è passata da momenti altissimi di progettazione pedagogica innovativa e innervata di spirito civico (e costituzionale), fino alla svendita totale ai diktat del capitale che ci vuole tutti sorvegliati consumatori e disciplinati lavoratori. Un pervertimento che troverà pieno compimento con l’autonomia differenziata, e che dobbiamo fermare a tutti i costi.
Matteo Losana – Riforma fiscale: la solidarietà svilita
Secondo la Costituzione italiana il principio tributario non rappresenta un mero rapporto fra il singolo individuo contribuente e lo Stato, bensì costruisce un legame di comunità, è il rapporto di ogni cittadino con tutti gli altri in cui ciascuno, in ottica solidaristica, concorre al “pieno sviluppo della persona umana”. Una visione distante anni luce da quella, svilente e antisociale, del “pizzo di Stato”.

Iceberg 3: ordinamento della Repubblica
Ines Ciolli – Il presidente del consiglio: “primus inter pares”
La Carta costituzionale non rifiuta la leadership esercitata dalla figura del presidente del Consiglio, ma la riconduce a una raffinata capacità di rapporto fra elementi in seno al governo, fra il governo e la sua maggioranza parlamentare, e infine fra i partiti e la società civile. Al centro c’è la politica come movimento dal basso verso l’alto, capacità di tessitura fra i rappresentanti e di costante relazione con i rappresentati ai quali si chiede partecipazione attiva, non un passivo atto di identificazione o fede verso un capo carismatico. [Per un errore nell’edizione cartacea della rivista nel titolo compare la parola “primum” anziché “primus”. Ce ne scusiamo con l’autrice e con i lettori]
Luca Tescaroli – Indipendenza dei magistrati sotto attacco
La separazione dei poteri e l’indipendenza di quello giudiziario da quello politico, attraverso un delicato equilibrio di assegnazione delle funzioni, è un caposaldo dell’ordinamento costituzionale democratico italiano. I tentativi di intervenire su tale indipendenza sono costanti, e negli ultimi anni si sono moltiplicati. Vanno in questo senso anche le diverse proposte di riforma sulla separazione delle carriere fra magistrati e giudici.
Gaetano Azzariti –  Il regionalismo da realizzare e quello da impedire

La Costituzione italiana prevede forme di regionalismo, che sono però ben diverse da quelle che vorrebbe impiantare il disegno di legge sull’autonomia differenziata. Il regionalismo auspicato dalla nostra Carta è di stampo solidale: mette al centro, cioè, non la suddivisione delle funzioni, bensì l’inviolabilità e l’universalità dei diritti. È da questo che discende la distribuzione dei poteri, non viceversa come vorrebbero, invece, i fautori della “secessione dei ricchi”.
Mario Barbati – Governo Meloni: un anno di diritti negati
Lo smantellamento della democrazia sostanziale in Italia è l’effetto di un percorso lungo e trasversale; su ogni diritto garantito dalla Costituzione, il governo Meloni sta proseguendo un’opera di negazione già avviata dai governi di centro-destra, centro-sinistra o tecnici precedenti. Ma il primo anno di Fratelli d’Italia alla presidenza del Consiglio ha peggiorato la situazione, fino ad arrivare alla mostruosa idea del premierato che rischia di distruggere definitivamente la democrazia parlamentare in Italia.

fuorisacco
Sette lettere inedite di Norberto Bobbio
Il grande filosofo e giurista scomparso esattamente vent’anni fa ha intrattenuto con il direttore di MicroMega un lungo carteggio in cui rifletteva sui travagli della sinistra negli anni successivi alla svolta della Bolognina.
© 2024 MicroMega
Micromega Edizioni impresa sociale SRL
Viale Bruno Buozzi 32, 00197 Roma
DA - MicroMega <micromega@substack.com>
Registrato

Admin
Pagine: [1]
  Stampa  
 
Vai a:  

Powered by MySQL Powered by PHP Powered by SMF 1.1.21 | SMF © 2015, Simple Machines XHTML 1.0 valido! CSS valido!