LA-U dell'OLIVO
Aprile 20, 2024, 12:00:42 pm *
Benvenuto! Accedi o registrati.

Accesso con nome utente, password e durata della sessione
Notizie:
 
   Home   Guida Ricerca Agenda Accedi Registrati  
Pagine: [1]
  Stampa  
Autore Discussione: Senza la VERITA' non c'é Giustizia ma solo inganni partitocratici. Cerasa BASTA.  (Letto 1075 volte)
Admin
Administrator
Hero Member
*****
Collegato Collegato

Messaggi: 30.369



Mostra profilo WWW
« inserito:: Marzo 06, 2023, 11:20:41 am »

Contro i tribunali del popolo
Perché l'inchiesta di Bergamo sul Covid è un gran regalo al processo mediatico

Claudio Cerasa 03 mar 2023
Gli errori politici non sono crimini. Cosa rischia uno stato di diritto quando la giustizia prescinde dalla ricerca dei reati e si occupa della ricerca della verità?

Sullo stesso argomento:

L'inutile reato di Covid
La separazione dei poteri: certo, come no. Sono ormai tre anni che le procure di mezza Italia hanno deciso di dedicare grande attenzione a un aspetto cruciale legato alla gestione della pandemia. Quell’aspetto è lo stesso maneggiato in queste ore dai magistrati di Bergamo, che hanno scelto di indagare per il reato di diffusione colposa dell’epidemia in Val Seriana l’ex premier Giuseppe Conte, il governatore lombardo Attilio Fontana, l’ex ministro Roberto Speranza e l’ex assessore Giulio Gallera, ed è un aspetto che brutalmente, ci perdonerete, potremmo sintetizzare così: è lecito oppure no trasformare in reati gli eventuali errori di una classe politica? Ed è lecito oppure no che la magistratura possa uscire fuori dal suo recinto occupandosi non solo di presunte violazioni del codice penale ma anche di possibili violazioni del codice morale? Ed è lecito oppure no che la magistratura faccia quello che ha scelto di fare anche a Bergamo, mettendo l’azione penale al servizio della ricerca non di un eventuale reato ma della Verità, con la “v” molto maiuscola?
 
Per capire l’enormità di quello che sta succedendo a Bergamo potrebbe essere sufficiente rileggere un piccolo e incredibile trafiletto pubblicato ieri sul Corriere della Sera, in cui si riporta autorevolmente la voce e il pensiero del procuratore di Bergamo: Antonio Chiappani. Leggete bene. Chiappani tiene a far sapere dell’“impegno profuso da questo ufficio per dare ai cittadini di Bergamo una ricostruzione della risposta fornita dalle autorità sanitarie e civili contro la propagazione della pandemia nel nostro territorio”. E, scrive il Corriere, “al di là di come finirà l’inchiesta, sembra che la Procura voglia dare un valore anche extragiudiziario al lavoro compiuto”. Dice ancora Chiappani: “Il materiale raccolto servirà non solo per le valutazioni di carattere giudiziario, ma anche scientifiche, epidemiologiche, di sanità pubblica, sociologiche, amministrative”.  “Credo che abbiamo dato un contributo alla comprensione di che cosa sia successo nei primi drammatici mesi della pandemia nel nostro territorio”.
 
Avete letto bene. Il procuratore di Bergamo di fatto sta dicendo che le inchieste giudiziarie possono prescindere dalla ricerca dei reati (“il materiale raccolto servirà non solo per le valutazioni di carattere giudiziario”) se queste hanno una valenza sociale, utile cioè a offrire ai cittadini qualche elemento in più per capire il mondo che li circonda e per farsi un’idea di che cosa sia andato storto o no in un preciso momento storico. A suo modo, dunque, è una dichiarazione importante quella offerta da Antonio Chiappani, che con molta trasparenza ha messo in chiaro un cambio di fase vero all’interno della nostra repubblica giudiziaria: la presenza di inchieste costruite non necessariamente per dimostrare se un reato sia stato compiuto oppure no. Il tribunale del popolo, di solito, funziona così. Funziona con le inchieste che nascono, appunto, a furor di popolo. Funziona con i magistrati che, colpiti dalla società del dolore, si sentono in dovere di dare risposte al popolo. Funziona con le inchieste che vengono architettate con la consapevolezza che ciò che conta davvero non è portare a processo gli indagati ma offrire elementi solidi per avere un processo mediatico fatto con i fiocchi. E funziona poi di solito con una giustizia che effettivamente fa il suo corso, e che molto spesso archivia le indagini che prescindono dalla ricerca dei reati, e che però quando arriva alla fine del suo percorso offre regolarmente ai cittadini l’immagine di una giustizia ingiusta, incapace di allinearsi con la sentenza già emessa dal circo mediatico: tutti colpevoli.
 
Non sappiamo se andrà così anche con le indagini di Bergamo (ma quel che conta comunque è il valore extragiudiziario dell’inchiesta, no?) ma sappiamo che finora ogni tentativo portato avanti dalla magistratura di sindacare con le armi della giustizia sulle scelte della politica si è andato a scontrare contro un muro chiamato realtà. E la realtà, per quanto dolorosa, ci dice che l’Italia, come tutti, durante la pandemia, ha fatto quel che ha potuto. Ha dovuto fare scelte improvvise, complicate, dolorose, e quasi sempre sagge, sulla base dei pochi elementi che si avevano a disposizione all’inizio della pandemia. E così, nel giro di tre anni, le molte inchieste aperte dalla magistratura per sindacare sulle scelte della politica si sono sciolte regolarmente come neve al sole (ma quel che conta comunque è il valore extragiudiziario dell’inchiesta, no?).
 
Il 13 agosto del 2020 la procura di Roma chiede al tribunale dei Ministri l’archiviazione per Giuseppe Conte e i ministri Bonafede, Di Maio, Gualtieri, Guerini, Lamorgese e Speranza, indagati per il loro operato durante l’emergenza sanitaria. Nel luglio del 2021 la procura di Lodi archivia un’inchiesta per omicidio colposo e epidemia colposa. Nell’ottobre del 2021, la procura di Milano chiede l’archiviazione dell’indagine simbolo della presunta “strage di anziani” durante la prima ondata della pandemia: quella a carico degli amministratori del Pio Albergo Trivulzio.Nell’ottobre del 2021,  la procura di Campobasso chiede l’archiviazione sulla gestione sanitaria dell’ospedale Cardarelli. Nel novembre del 2021, la procura di Bari chiede l’archiviazione per un’indagine che ipotizzava, a carico di ignoti, i reati di epidemia colposa, lesioni personali e omicidio colposo. Il 10 gennaio del 2022, la procura di Como chiede le archiviazioni per tutte le cause aperte nella primavera dell’anno precedente nei confronti di 13 case di riposo e due ospedali. E poi altre archiviazioni ancore per storie simili. A marzo del 2022 tocca a Torino (Rsa). Il 5 novembre 2022, tocca a Mantova (ancora Rsa). Il 17 novembre del 2022, è la volta di Genova (ancora Rsa). II 22 novembre, ancora, arriva un’archiviazione per fatti simili dalla procura di Venezia. Tutto questo, in teoria, dovrebbe farci riflettere, su cosa significhi mettere l’azione penale al servizio della ricerca non di un eventuale reato ma della Verità, con la “v” molto maiuscola, e su cosa significhi avere un sistema giudiziario tarato per alimentare in modo scientifico il processo mediatico, e per affermare dunque sulla scena pubblica una verità che essendo solo mediatica tenderà spesso a discostarsi da quella giudiziaria.
 
Si potrebbero fare questi ragionamenti ma purtroppo i ragionamenti che leggerete, sull’incredibile inchiesta di Bergamo, andranno in un’altra direzione, simile a quella suggerita ieri, con una nota a metà tra il comico e il surreale, del presidente dell’Ordine dei giornalisti, della segretaria generale della Federazione nazionale stampa e del presidente della Fnsi, convinti che di fronte a cotanto scenario il tema non siano i magistrati che offrono bocconcini prelibati al processo mediatico ma siano le norme sulla presunzione di innocenza eccessivamente garantiste che non hanno consentito ai magistrati di fare conferenze stampa dopo l’apertura delle indagini e che per questo “vanno corrette al fine di garantire il corretto equilibrio fra il dovere di informare e le garanzie per tutti i cittadini quando vengono indagati”. Da Marte è tutto, a voi studio.
•   
•   Claudio Cerasa Direttore
•   Nasce a Palermo nel 1982, vive a Roma da parecchio tempo, lavora al Foglio dal 2005 e da gennaio 2015 è direttore. Ha scritto qualche libro (“Le catene della sinistra”, con Rizzoli, “Io non posso tacere”, con Einaudi, “Tra l’asino e il cane. Conversazione sull’Italia”, con Rizzoli, “La Presa di Roma”, con Rizzoli, e "Ho visto l'uomo nero", con Castelvecchi), è su Twitter. E’ interista, ma soprattutto palermitano. Va pazzo per i Green Day, gli Strokes, i Killers, i tortini al cioccolato e le ostriche ghiacciate. Due figli.

I più letti di Giustizia

Le mille contraddizioni dell'indagine sulla gestione della pandemia

Quella di Bergamo è la prima procura al mondo ad accusare un governo di aver favorito la diffusione della pandemia. Ma l'inchiesta, piuttosto che su prove, sembra basarsi sul "senno del poi" e numeri senza senso
Ermes Antonucci
La decisione
L'inchiesta della procura di Bergamo sulla gestione del Covid: cosa si sa e chi riguarda

I pm hanno aperto un'indagine, fra gli altri, per l'ex premier Conte, l'ex ministro della Sanità Speranza e il governatore lombardo Fontana. Le accuse sono di epidemia colposa aggravata, omicidio colposo plurimo e rifiuto di atti di ufficio

da CLAUDIO CERASA

Registrato

Admin
Admin
Administrator
Hero Member
*****
Collegato Collegato

Messaggi: 30.369



Mostra profilo WWW
« Risposta #1 inserito:: Aprile 06, 2023, 07:04:19 pm »

Roberto Cocchis
Sdrosopten2e11619r27 0ta3l0tiIi7 i0lcla5u:9h3lf9m36f0te9mg78  ·

I No Vax duri e puri, anziché tenere aggiornato il bollettino delle morti improvvise che ci sono sempre state da quando esiste l'uomo, potrebbero procurarsi un importante argomento a favore delle loro teorie verificando quante dosi di vaccino sono state somministrate ai parlamentari di FdI.
Perché uno dei loro cavalli di battaglia, peraltro sempre ampiamente smentito dalla scienza, ossia la possibilità che in vivo l'mRNA possa trasformare il DNA (è successo in vitro, ma in condizioni che non si verificano mai in natura), sembra aver preso forma adesso che Fabio Rampelli si è palesemente trasformato in Achille Starace.
Oggi la crociata, con tanto di ddl, contro gli anglicismi. Domani, presumo, quella contro la stretta di mano. Dopodomani, verosimilmente, quella per abbandonare l'uso del "lei" a favore di quello del "voi". Per non parlare di quella contro la diseducativa lettura dei libri gialli, che è solo questione di tempo.
Però, dai, non si può dire che se ne stiano senza far niente, lì in parlamento. Ne hanno di cose serie cui pensare. Se lo guadagnano, lo stipendio, quella mezza volta che si degnano di andarci. Vuoi mettere quanto è importante spiegare senza l'uso di barbarismi che l'inflazione si è già mangiata tutti i rinnovi contrattuali, per quei fortunati che li hanno avuti? E che grazie alle opportune e caldeggiate riforme fiscali i redditi bassi non solo non aumentano ma addirittura diminuiscono?
E meno male che, a differenza dei francesi, noi siamo tanti "pecoroni" che non vanno in piazza contro l'aumento dell'età pensionabile (e grazie, se in Francia si facesse tutto il "nero" che si fa qui, non manifesterebbero neanche loro, perché l'allungamento della vita lavorativa, quando hai avuto il primo vero contratto di lavoro a 40 anni, è l'unica speranza per avere una pensione non da fame), altrimenti i telegiornali del Minculpop mostrerebbero servizi sui cortei sostenendo che la gente sfila per ringraziare il governo di aver bloccato l'inflazione e di aver aumentato i redditi bassi, come succede in "1984".

da – FB del 3 aprile 2023
Registrato

Admin
Pagine: [1]
  Stampa  
 
Vai a:  

Powered by MySQL Powered by PHP Powered by SMF 1.1.21 | SMF © 2015, Simple Machines XHTML 1.0 valido! CSS valido!