LA-U dell'OLIVO
Febbraio 26, 2024, 05:25:00 am *
Benvenuto! Accedi o registrati.

Accesso con nome utente, password e durata della sessione
Notizie:
 
   Home   Guida Ricerca Agenda Accedi Registrati  
Pagine: [1]
  Stampa  
Autore Discussione: Con ragioni diverse dai Nordisti, ma anche il Sud ritorna Sfascista.  (Letto 7880 volte)
Arlecchino
Global Moderator
Hero Member
*****
Scollegato Scollegato

Messaggi: 7.732


Mostra profilo
« inserito:: Settembre 29, 2022, 12:01:22 am »


VOTO DI INTERESSE

Buongiorno, ecco una serie di notizie selezionate per voi dal Corriere del Veneto.  Il vicedirettore Alessandro Baschieri analizza il voto di domenica. Buona lettura!
Il centrosinistra ha perso le elezioni. Di nuovo. Anche in Veneto. Nel cercare a tutti i costi un lato positivo i simpatizzanti ci fanno notare che nelle tabelle regionali il Pd è secondo dietro ai Fratelli, tre punti sotto la media nazionale ma a sorpresa uno e mezzo abbondante sopra la Liga. Di solito in questi casi si dice «ha tenuto» e al di là dei voti in pagella per l’ultima tornata elettorale, va riconosciuto che già da qualche tempo si intravede a queste latitudini un tentativo di rinnovamento nei temi e nel linguaggio. Appare chiaro che per intercettare pensieri e inclinazioni di una terra che non si accontenta di un «progetto per gli ultimi» servono programmi coraggiosi. Serve un progetto ma servono anche parole nuove per raccontarlo.
Il messaggio guida non può limitarsi al «voto etico», quello che si deve ad un gruppo di brava gente che lotta per i diritti di tutti e le fasce deboli, per chi si deve integrare e chi è stato espulso dal mercato dal lavoro. Qui non basta e forse non basta nemmeno su scala nazionale. I valori inclusivi e solidali dovrebbero essere la premessa, la condizione necessaria e non sufficiente per arrivare ad una proposta politica. Di certo non l’obiettivo unico visto che gli ultimi, per definizione, sono una minoranza e i penultimi e i terz’ultimi molti di più e meritevoli di altrettanta attenzione perché spesso lontani da qualsiasi traiettoria di sostegno e aiuti. Più in generale il centrosinistra dovrebbe avere il coraggio di cercare un nuovo voto di interesse.
Il coraggio di sdemonizzare i cambi di rotta e di ritrovare il punto di contatto con la classe operaia (ma oggi bisognerebbe dire lavoratrice) che un tempo si affidava sindacalmente e oggi sparpaglia le preferenze lungo tutto l’arco politico (stando ai flussi soprattutto a destra). Chi lavora e fatica onestamente ha il diritto che si parli di lui anche se non rientra nell’Isee, tra l’altro molto spesso ingannevole, e di immaginare un progetto di sviluppo che vada oltre il togliere a chi ha di più per dare a chi ha di meno. Un progetto politico che offra opportunità a una platea di cittadini più ampia e cambi la percezione del “partito delle bastonate”.
Tutto questo andrebbe comunicato chiaramente, cosa che la sinistra non ha ancora imparato a fare anche quando ci sono i presupposti: ad esempio ha detto poco e male che i “padri” del Reddito di cittadinanza (che esisteva sotto forma di Rei ed era equo) e del Superbonus (che era soltanto bonus edilizio ma funzionava molto meglio) erano di sinistra e i figli hanno ereditato l’idea portandola sotto nuove insegne. Oggi i Cinque Stelle sbandierano con orgoglio il Reddito, a destra considerato un vero e proprio voto di scambio, e ci hanno costruito una bella rimonta. La Lega ha sempre fatto leva su pensioni e tasse e in Veneto parla di autonomia per intercettare un interesse collettivo, temi che negli anni hanno portato consensi e voti.
In fondo anche i Fratelli, come confessato dagli imprenditori nell’ultima assemblea di Vicenza, avevano qualcosa per gli elettori, ovvero una promessa di stabilità e di ordine che in un momento come questo diventa fondamentale per i mercati. Se la categoria più draghiana e autonomista d’Italia vota il partito antidraghiano e centralista per eccellenza, un apparente paradosso, è solo ed esclusivamente per interesse.
Ebbene quale sarebbe la convenienza di un elettore veneto a votare a sinistra? È sbagliato parlare di convenienza? Quale rappresentanza e tutela è in grado di offrire il Partito Democratico agli elettori per non confinare i suoi fortini nelle città e i suoi consensi tra gli intellettuali di animo solidale? Un po’ di pragmatismo e buon senso alla Bonaccini, il presidente della Regione Emilia, spesso legato a Zaia da visioni comuni nonostante posizioni di partenza antitetiche, sicuramente porterebbe maggiore fiducia. Certamente più di una figura come Schlein che di Bonaccini è la vice in Regione e che viene data per sua prima rivale nella successione al segretario Letta.


Il pragmatismo serve al centrosinistra e gli servono gli uomini adatti per tradurlo in proposta politica, in Veneto ma forse anche nel resto del Paese. L’obiettivo dovrebbe essere intercettare un gruppo d’interesse eterogeneo in una società nuova che cambia di continuo i suoi punti di riferimento. I partiti servono anche a questo, a raggruppare le aspettative e trasformarle in progetti. Pena il rassegnarsi ad altre brillanti analisi e pareri non richiesti, tipo questo, all’indomani di un voto che troppo volte assomiglia ad un’onorevole sconfitta.

Se volete scriverci la mail è: web@corriereveneto.it

 da – il corriere.it
---------------------------
OGGI IN VENETO
Registrato
Arlecchino
Global Moderator
Hero Member
*****
Scollegato Scollegato

Messaggi: 7.732


Mostra profilo
« Risposta #1 inserito:: Ottobre 05, 2022, 10:30:52 pm »

Io penso che per noi cittadini del mondo dei Differenti, nel senso di quelli che vogliono conoscere ciò che ci accade intorno (e in casa) a loro e non sono enciclopedie umane, ciò che conta è seguire l'Essenziale dei fatti e scoprire l'Essenziale sul dove vogliono parare i detentori del potere locale, sia di una città, una regione, sia di una nazione.

Oggi come oggi, alla luce degli avvenimenti postPutin capire le nazioni che stanno con i despoti orientali e quelli con i potenti temporanei Occidentali è già una bella impresa, ma da inquadrare subito.

I tifosi settari, che oscillano sugli spalti ad ogni azione delle squadre in gara, sono la bava di una società arretrata, sono da capire allo stadio, guai compatirli nella nostra società perché rischiano di ucciderla senza che se ne rendano conto.

Se poi sono inchiodati ad una fede o ideologia, sono per noi umani, “terrorizzanti”.

ggiannig ciaooo
Registrato
Arlecchino
Global Moderator
Hero Member
*****
Scollegato Scollegato

Messaggi: 7.732


Mostra profilo
« Risposta #2 inserito:: Gennaio 09, 2023, 04:50:55 pm »

Informazioni

E’ nata la Collettiva AutonoMIA Reggio Calabria, nel nome che abbiamo scelto quello che siamo e per cui lottiamo: autonomia, autodeterminazione, libertà di scelta

Siamo un gruppo di donne antifasciste, laiche e antirazziste, lottiamo contro ogni discriminazione di genere, provenienza, religione e orientamento sessuale.
La nostra radice è femminista, crediamo fortemente che si debba far propria quella storia ripercorrendone le strade ma tracciando nuovi sentieri.
Abbiamo scelto di autofinanziarci per essere libere da condizionamenti siano essi istituzionali o partitici, per essere libere di esprimere le nostre opinioni.
Collettiva perché siamo e vogliamo essere un'opera d'insieme aperta in cui ciascuna porti la propria individualità e la propria ricchezza mettendola al servizio di una causa comune nel riconoscimento reciproco.
Abbiamo una forte connotazione territoriale nella convinzione che i cambiamenti debbano essere agiti a partire dalle periferie. Riteniamo che ogni tema anche di carattere generale non possa mai prescindere dal la sua contestualizzazione locale
L’ascolto e l’osservazione, l’elaborazione collettiva e l’azione conseguente sono la nostra modalità politica. Il partire da sé, dai bisogni reali e concreti, dai desideri e dalle aspirazioni, per innescare processi di consapevolezza e crescita personale e politica da tradurre in azioni efficaci.
Le “piazze” sono i nostri luoghi, la riappropriazione degli spazi di democrazia partecipata, dell’incontro dei corpi, “dell’sserci” in maniera differente e costante ritrovando la gioia dello stare insieme.
La solidarietà, il lottare unite rappresentano l'antidoto ad una società che si dimostra sempre più individualista, disgregata, discriminante e ingiusta.
Siamo fermamente determinate a mantenere viva la passione e la spinta al cambiamento che ci ha portato a ritrovarci non solo difendendo le conquiste ottenute ma rilanciando nuove lotte, riprendendo quella politica del quotidiano a “partire da sé” che ci appartiene.
La sfida che vogliamo affrontare è quella di trovare strumenti adeguati affinché la riflessione e l’azione conseguente siano sempre più ampie, aperte ed efficaci : una rivoluzione di donne e uomini , collettiva, gioiosa e permanente.

info: collettivautonomia@gmail.com

Chiunque può trovare questo gruppo.
Reggio Calabria
da Fb
Registrato
Admin
Administrator
Hero Member
*****
Scollegato Scollegato

Messaggi: 30.259



Mostra profilo WWW
« Risposta #3 inserito:: Marzo 03, 2023, 05:23:52 pm »

Autonomia differenziata, il sì di Calabria e Basilicata divide (anche) il Sud: «Voto contro la Costituzione»

Posta in arrivo
Arlecchino Euristico
a me

https://corrieredelmezzogiorno.corriere.it/napoli/cronaca/23_marzo_03/autonomia-differenziata-si-calabria-basilicata-divide-anche-sud-voto-contro-costituzione-b71d7572-b98b-11ed-992b-b12cb3b74f34.shtml

Inviato da Posta per Windows

 
Registrato

Admin
Pagine: [1]
  Stampa  
 
Vai a:  

Powered by MySQL Powered by PHP Powered by SMF 1.1.21 | SMF © 2015, Simple Machines XHTML 1.0 valido! CSS valido!