LA-U dell'ulivo
Agosto 16, 2022, 06:44:11 am *
Benvenuto! Accedi o registrati.

Accesso con nome utente, password e durata della sessione
Notizie:
 
   Home   Guida Ricerca Agenda Accedi Registrati  
Pagine: [1]
  Stampa  
Autore Discussione: Linguaggi antichi ma ancora di avversari o di nemici?  (Letto 122 volte)
Arlecchino
Global Moderator
Hero Member
*****
Scollegato Scollegato

Messaggi: 7.174


Mostra profilo
« inserito:: Luglio 25, 2022, 11:52:01 pm »

Post della sezione Notizie
Francesco Coniglione

Ma non è una questione di moralismo, piuttosto un'altra e ulteriore conferma della "ferrea legge dell'oligarchia", escogitata da Roberto Michels e sinora fatta propria dalle destre e pertanto odiata dalla sinistra comunista, anche perché di questa legge ne è stata una delle più clamorose conferme (si veda la parabola del potere bolscevico, tanto per fare un esempio). Ma sono convinto che di essa se ne possa fare una lettura non di destra, così come ad es. fece Errico Malatesta.

CONTE E CUORE IN MOVIMENTO
Carla Palombini
LETTERA APERTA
 
Caro Massimo,
ti leggevo assiduamente dai tempi di "Repubblica". Quel bel giornale che fondò il grande Scalfari e che oggi NON c'è più. Adesso ce n'è uno che ha lo stesso nome, ma NON c'entra nulla con l'originale. Come se i "Cugini di campagna" si fossero dati il nome di Beatles.
Leggevo tutti i tuoi articoli. Quelli scritti con il piglio del giornalista vero, indipendente, del giornalista che non obbedisce ad ordini.
Ricordo con affetto quei tuoi attacchi a Berlusconi, al trust dell'informazione che rappresentava, al pericolo che costituiva l'avere tutta l'informazione televisiva in mano ad un unico gruppo.
Ricordo i tuoi continui richiami alla necessità di promulgare una rigorosa legge sui conflitti di interessi, al fine di salvaguardare la democrazia. Ricordo quando in un talk show non avesti paura a definire il potere dominante di Berlusconi nell'informazione, "un vero e proprio vulnus per la democrazia", un pericolo per la stessa.
Avevi ragione, caro Massimo. Ma poi cos'è successo? Sono mancato dall'Italia qualche anno e ti ho ritrovato cambiato. Un'altra persona. E non mi riferisco ai capelli bianchi e la barba ordinata, mi riferisco alla tua organicità all'attuale sistema informativo. Un'informazione ancora peggiore di quella che vide te acerrimo oppositore, che criticasti ed attaccasti con fervore ed autorevolezza. Un'informazione, quella attuale, che avrebbe fatto gridare all'orrore il tuo predecessore che ebbe il tuo stesso nome e che invece, oggi, ti vede splendido protagonista.
A cosa è dovuta questa tragica e deludente conversione?
Il sospetto che tu non fossi libero neanche prima si fa prepotente e che la tua difesa della pluralità, fosse interessata, che tu recitassi la parte del difensore del diritto del cittadino ad una informazione pluralistica, perché tale difesa fosse utile all'interesse del tuo editore (De Benedetti era un feroce avversario di Berlusconi).
Diventa per la tua credibilità una tragica eventualità, una certezza leggendoti adesso, quella che tu fossi totalmente dedicato alla linea editoriale che, a quel tempo, ti fu imposta.

Perché è impossibile una tale conversione senza dolori atroci che, francamente, mi pare tu non abbia avuto. Perché, nessuno potrebbe editare una verità totalmente condizionata dall'interesse dell'editore, o dalla sua appartenenza politica, se non ne fosse capace. E tu lo sei stato (capace).
La tua guerra a Conte è stata e continua ad essere evidentissima. Così com'è evidente la manipolazione della verità, operata costantemente, contro il tuo nemico, dal giornale che dirigi. Le tue frequenti comparsate nei talk shows sono state e sono caratterizzate dallo stesso intento: fare apparire l'ex Premier inadeguato, debole, sminuirne o negarne, le invece evidenti ed apprezzate, capacità.
Nulla ha frenato la tua crociata personale, che ha visto, fra tante altre cose, la pubblicazione (senza mai citarne la fonte) di notizie di presunti complotti fra servizi segreti e Conte. Quando la notizia si è rivelata una bufala, non hai smentito a nove colonne (come sarebbe stato doveroso) né hai chiesto scusa (come avrebbe preteso l'etica).
Potrai rispondermi "anche io tengo famiglia" e lo capirò. Gli assegni a 6 zeri fanno gola a tutti e sono una buona motivazione anche per scrivere menzogne, o miscelare le stesse con mezze verità. Peccato che la tua autorevolezza sia ormai inversamente proporzionale al cospicuo ammontare del tuo conto in banca. Peccato che non ti salvi neppure quel progressismo, un tanto al chilo, nel quale ti piace nasconderti.

L'attuale crociata raccomandata dal tuo padrone, che riguarda il malcapitato Orsini e la guerra è cosa già vista, non aggiunge nulla a quanto già detto.
Peccato Massimo. Devo ritirarti la mia stima definitivamente. Non solo: mi piace pensare che un giorno ci possa essere un giornalismo degno di questo nome ed un’informazione veramente plurale e pagata da editori puri. Mi piace pensare che, in quel mondo, tu non avrai posto.

Il tuo ex ammiratore Ciccio
Giancarlo Selmi

Da - https://www.facebook.com/
Registrato
Pagine: [1]
  Stampa  
 
Vai a:  

Powered by MySQL Powered by PHP Powered by SMF 1.1.21 | SMF © 2015, Simple Machines XHTML 1.0 valido! CSS valido!