LA-U dell'ulivo
Settembre 22, 2021, 05:16:09 am *
Benvenuto! Accedi o registrati.

Accesso con nome utente, password e durata della sessione
Notizie:
 
   Home   Guida Ricerca Agenda Accedi Registrati  
Pagine: [1]
  Stampa  
Autore Discussione: ... impegnati nel darci SALUTE e RECUPERARE L’ASPETTATIVA DI VITA ...  (Letto 255 volte)
Admin
Administrator
Hero Member
*****
Scollegato Scollegato

Messaggi: 29.271



Mostra profilo WWW
« inserito:: Settembre 09, 2021, 05:45:08 pm »

Illustre Ministro, è impegnatissimo lo sappiamo ma, … “appare” poco impegnato nel darci notizie e metterci a conoscenza, sul come intende risolvere le carenze della Sanità Regionale.
Sanità Regionale gestita dalla Partitocrazia locale, che al più presto deve diventare Sanità Nazionale gestita non dai partiti locali ma da personale medico d’ogni livello e infermieristico, impegnati nel darci SALUTE e RECUPERARE L’ASPETTATIVA DI VITA oggi in caduta libera.
Addetti che rispondono delle loro prestazioni e sono guidati dal Ministero, dallo STATO, coadiuvati da Delegati Regionali all’Organizzazione dei Servizi con poteri solo gestionali controllabili!
Sanità Nazionale molto più impegnata verso i cittadini e non più compromessa, come oggi, verso una malasanità partitocratica, da Feudo Regionale.
La Salute Pubblica deve essere tutelata al meglio nel rapporto diretto tra Stato-Ministero e Popolazione. Coloro che stanno nel mezzo di queste due Realtà Sociali, devono essere messi al servizio della salute di ogni cittadino, nel solo interesse del cittadino malati o in prevenzione e cura specifici!
Oggi la popolazione dei malati è posta sotto L’IMPERIO autoritario di una burocrazia regionale, manovrata e indirizzata verso obiettivi che nulla hanno a che vedere con la salute e il benessere del pubblico.
Una gestione volutamente oppressiva che riserva anche al personale medico e sanitario in genere, una soggezione politica umiliante a cui può essere facile, per alcuni, adeguarsi sino a divenirne complici.
Ossequi dovuti.
ggiannig

Registrato

Admin
Admin
Administrator
Hero Member
*****
Scollegato Scollegato

Messaggi: 29.271



Mostra profilo WWW
« Risposta #1 inserito:: Settembre 14, 2021, 11:31:23 pm »

Draghi tira dritto sul green pass. Si lavora per estenderlo a tutti i lavoratori

Posta in arrivo

Arlecchino Euristico
a me

Draghi tira dritto sul green pass. Si lavora per estenderlo a tutti i lavoratori

https://www.agi.it/politica/news/2021-09-14/green-pass-draghi-lega-13866808/

Inviato da Posta per Windows

...

[Messaggio troncato]  Visualizza intero messaggio
Registrato

Admin
Arlecchino
Global Moderator
Hero Member
*****
Scollegato Scollegato

Messaggi: 6.480


Mostra profilo
« Risposta #2 inserito:: Settembre 20, 2021, 09:47:15 am »

Certificato Covid indispensabile per entrare in Svizzera

Ne nuove misure entreranno in vigore da lunedì ma non concerneranno i frontalieri e chi fa la spesa in Italia, contrariamente da quanto chiedeva il Governo ticinese. Keystone / Elia Bianchi
Nuove restrizioni in vista per chi non è vaccinato o guarito dal Covid-19: da lunedì 20 settembre tutte le persone che entrano nella Confederazione dall'estero devono disporre di un certificato sanitario valido. Eccezioni sono previste per le regioni di confine.

Questo contenuto è stato pubblicato il 17 settembre 2021 - 15:4217 settembre 2021 - 15:42
tvsvizzera.it/MaMi con Keystone-ATS
La decisione di imporre questa nuova misura concernente l'attraversamento dei confini è stata presa oggi dal Consiglio federaleLink esterno per prevenire un aumento del numero di contagi dovuto al rientro dalle vacanze autunnali.

Il peso dei rientri dalle vacanze
L'imposizione di presentare un certificato Covid entrando nel Paese, spiega l'esecutivo in una nota, è stata presa alla luce dell'esperienza maturata quest'estate. I dati dei servizi cantonali di tracciamento dei contatti hanno infatti evidenziato che anche le persone rientrate dalle vacanze "hanno contribuito al preoccupante peggioramento della situazione in Svizzera".
sala d’aspetto di un aeroporto
Coronavirus: la situazione in Svizzera
Questo contenuto è stato pubblicato il 17 set 202117 set 2021 Dal 20 settembre tutte le persone che entrano in Svizzera dovranno disporre di un certificato sanitario. Previste eccezioni per le regioni di confine.
L'obbligo di disporre di un tampone negativo per entrare nella Confederazione vale per tutti coloro che non sono vaccinati o guariti, e ciò indipendentemente da dove provengano e con quale mezzo di trasporto hanno viaggiato. Chi in dogana non potrà presentare un test negativo dovrà sottoporsi al test immediatamente dopo l'entrata in Svizzera.
Dopo un periodo compreso tra quattro e sette giorni, i non vaccinati o guariti dovranno, a loro spese, farsi testare nuovamente. Il risultato andrà inoltrato al servizio cantonale competente.
Formulario da compilare anche per chi ha il certificato
Tutte le persone che valicano la frontiera in entrata - questa volta compresi i vaccinati e i guariti - sono poi chiamati a riempire il Modulo di entrata SwissPLF - swissplf.admin.chLink esterno - per consentire ai cantoni di effettuare controlli a campione per verificare che le nuove disposizioni vengano rispettate.
Esentati frontalieri e chi è di passaggio
Non devono invece presentare test e formulario SwissPLF i frontalieri, chi transita senza fermarsi attraverso la Confederazione, chi trasporta merci o persone a titolo professionale, nonché le persone che entrano "da regioni confinanti con la Svizzera con le quali esiste uno stretto scambio economico, sociale e culturale". Sono esentati dal test, ma non dal Modulo di entrata, anche i minori di 16 anni.
Nulla di fatto per la proposta ticinese
Questo aspetto della misura comunicata oggi boccia di fatto quanto proposto in fase di consultazione dal Governo ticinese soli tre giorni fa. «Per ragioni di praticabilità dei controlli riteniamo opportuno evitare eccezioni per gli spostamenti transfrontalieri nelle regioni di frontiera, così come per gli espatri di breve durata», aveva asserito il Consiglio di Stato di Bellinzona nella proposta in cui, tra l'altro, veniva anche richiesto l'obbligo di presentare il certificato anche per coloro che rientravano in Ticino dopo aver fatto acquisti oltre frontiera. Nella sua comunicazione odierna, Berna ha invece voluto «tener conto degli stretti rapporti commerciali, sociali e culturali in queste zone».
Multa di 200 franchi per chi fa il furbo
Chi non rispetterà le nuove disposizioni federali potrà essere multato: 200 franchi in caso di assenza di certificato sanitario, 100 franchi per un modulo non compilato.
Agli svizzeri e agli stranieri con permesso di domicilio in Svizzera sarà consentita l'entrata nel Paese anche se risultati positivi al test del coronavirus. In questo caso l'interessato dovrà mettersi direttamente in isolamento e annunciarsi al servizio medico cantonale entro due giorni.
Coronavirus: i numeri in Svizzera
Questo contenuto è stato pubblicato il 03 set 202103 set 2021 Qui trovate le cifre e i dati più importanti e aggiornati sull'evoluzione della pandemia di coronavirus in Svizzera.
Più in generale, le disposizioni d'entrata vigenti restano immutate. La Segreteria di Stato della migrazione continua a tenere un elenco dei Paesi a rischio che stabilisce chi può entrare in Svizzera.
Certificato svizzero anche ai vaccinati all'estero
Il Consiglio federale, rispondendo alle preoccupazioni del settore del turismo, ha anche deciso che dal 20 settembre potranno ottenere un certificato Covid svizzero tutte le persone che hanno ricevuto, all'estero, un vaccino approvato dell'Agenzia europea del farmaco (Ema). Ciò concerne, oltre a quelli già omologati in Svizzera - Moderna, Pfizer/BioNtech e Johnson & Johnson - anche il preparato di AstraZeneca.

Di seguito il servizio del Quotidiano:
Contenuto esterno
Parole chiave: SALUTE
I commenti a questo articolo sono stati disattivati. Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.
Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.
Controlli delle guardie di confine svizzere a Chiasso.
Spostamenti transfrontalieri, "In Lombardia 80% di vaccinati"
Questo contenuto è stato pubblicato il 16 set 202116 set 2021 Restrizioni alla spesa transfrontaliera, in Lombardia si rassicura: situazione epidemiologica positiva grazie a vaccini e green pass.


Certificato Covid per consumare in bar e ristoranti.
È il giorno del green pass in Svizzera
Questo contenuto è stato pubblicato il 13 set 202113 set 2021 Accolto, con qualche riserva ma senza scossoni, il certificato Covid nei locali pubblici al chiuso.
Dimostranti a Berna.
Dimostrazione spontanea a Berna contro il certificato Covid
Questo contenuto è stato pubblicato il 09 set 202109 set 2021 Molto diverse le stime del numero di partecipanti: chi dice 1'000 e chi 20'000
Certificato Covid elettronico e cartaceo
Il Ticino adotta misure più severe della Confederazione
Questo contenuto è stato pubblicato il 08 set 202108 set 2021 Il Governo ticinese ha reso obbligatorio il certificato Covid per i visitatori nelle strutture sociosanitarie, mentre la mascherina resta...
Una ragazza mostra sul suo telefonino il certificato Covid
Uso esteso del Green pass in Svizzera
Questo contenuto è stato pubblicato il 08 set 202108 set 2021 Da lunedì 13 settembre tutte le persone dai 16 anni di età dovranno disporre di un certificato covid per moltissime strutture al chiuso.
L‘entrata dell’ospedale Sant’Anna di Sorengo.
Green pass per entrare negli ospedali
Questo contenuto è stato pubblicato il 04 set 202104 set 2021 Da lunedì per entrare nelle cliniche luganesi private Ars Medica e Sant’Anna sarà necessario il certificato Covid. Gli ospedali pubblici seguiranno.

Da - https://www.tvsvizzera.it/tvs/certificato-covid-indispensabile-per-entrare-in-svizzera/46956718
Registrato
Pagine: [1]
  Stampa  
 
Vai a:  

Powered by MySQL Powered by PHP Powered by SMF 1.1.21 | SMF © 2015, Simple Machines XHTML 1.0 valido! CSS valido!