LA-U dell'ulivo
Settembre 22, 2021, 04:53:02 am *
Benvenuto! Accedi o registrati.

Accesso con nome utente, password e durata della sessione
Notizie:
 
   Home   Guida Ricerca Agenda Accedi Registrati  
Pagine: [1]
  Stampa  
Autore Discussione: Perché i tribunali virtuali possono minacciare la giustizia  (Letto 117 volte)
Admin
Administrator
Hero Member
*****
Scollegato Scollegato

Messaggi: 29.271



Mostra profilo WWW
« inserito:: Agosto 21, 2021, 11:56:05 pm »

Perché i tribunali virtuali possono minacciare la giustizia

 Vincent Denaul - Tempo di lettura: 6 min

Perché i tribunali virtuali possono minacciare la giustizia

La pandemia COVID-19 ha significato che le aule giudiziarie sono state costrette a diventare virtuali, ma l'adozione a lungo termine della tecnologia è una minaccia per la giustizia? (Shutterstock)
Dall'inizio della crisi sanitaria, I tribunali canadesi, come quelli di altri paesi, hanno compiuto un cambiamento tecnologico. Il numero di procedimenti archiviati online è aumentato e lo stesso vale per i processi virtuali.
Sebbene il loro utilizzo appaia legittimo durante la pandemia, applicazioni di videocomunicazione come Skype o Zoom stanno ostacolando il ruolo della comunicazione non verbale nelle aule di tribunale.
La questione può sembrare semplice e innocua, ma in realtà non lo è.

Credenze errate
L'esito delle cause legali non è determinato solo da leggi e precedenti. Infatti, l'apparizione di testimoni e il modo in cui si comportano può svolgere un ruolo determinante. Il nervosismo e l'esitazione sono tipicamente associati alla menzogna, mentre la spontaneità, secondo molte sentenze dei tribunali, può indicare che i testimoni dicono la verità.
Tuttavia, la ricerca sul rilevamento della menzogna mostra molto chiaramente che credenze di questa natura - ancora in uso nel 2020 - sono errate e non hanno basi scientifiche più di quelle utilizzate nel Medioevo. In effetti, un litigante onesto può esitare ed essere eccessivamente nervoso. Un bugiardo incallito può esprimersi spontaneamente. Non c'è gesto, nessuno sguardo, nessuna espressione facciale, nessuna rivelazione simile al naso di Pinocchio.
Inoltre, come sottolineano la psicologa Judith Hall e i suoi colleghi, "non esiste un dizionario dei significati dei segnali non verbali, perché i fattori contestuali che coinvolgono le intenzioni dei codificatori, i loro altri comportamenti verbali e non verbali, le altre persone (chi sono e il loro comportamento) e l'impostazione influenzeranno tutti il significato. "
In altre parole, imparare a "leggere" comportamenti non verbali è finzione piuttosto che scienza. Purtroppo, come ho documentato nella mia tesi di laurea in giurisprudenza sui comportamenti non verbali dei testimoni durante i processi e la mia tesi di dottorato in comunicazione sull'individuazione di false testimonianze, diversi giudici sembrano credere il contrario.

Articolo correlato
L'LSD può curare la "malattia spirituale" dell'alcolismo? (Video)
Oltre il rilevamento della menzogna
Poiché utilizzare un solo sguardo per determinare se qualcuno sta mentendo - come descritto dai media - non è possibile, alcuni potrebbero credere che il comportamento non verbale di testimoni, giudici e avvocati sia inutile. Tuttavia, questo sarebbe un errore. Infatti, la ricerca scientifica documenta da decenni le funzioni della comunicazione non verbale. Migliaia di articoli sottoposti a revisione paritaria sono stati pubblicati sull'argomento da una comunità internazionale di ricercatori di diverse discipline.
Durante le prove, il rilevamento della menzogna rappresenta un granello di sabbia nell'oceano di funzioni comportamentali non verbali. Gesti, sguardi, espressioni facciali e posture consentono ai testimoni di comunicare emozioni e intenzioni, ai giudici di favorire l'empatia e alla fiducia e agli avvocati di comprendere meglio in ogni momento le azioni e le parole dei testimoni e di adattarsi di conseguenza. Tutto ciò avviene in gran parte automaticamente.
L'aspetto non verbale delle prove non si limita a volti e corpi. Le caratteristiche dell'ambiente in cui si svolgono - il tribunale e l'aula di tribunale - contribuiscono all'immagine della giustizia. Il luogo in cui i testimoni vengono interrogati e dove sono seduti i partecipanti influenza il modo in cui vengono condotti i processi. Ad esempio, i giudici sono seduti più in alto degli altri in aula, il che può influire sull'autorità conferita loro dai litiganti.

La comunicazione non verbale è parte integrante delle prove
Durante la pandemia, applicazioni come Skype o Zoom consentivano l'udienza di casi urgenti. Tuttavia, diverse giurisdizioni hanno annunciato che le aule giudiziarie virtuali rimarranno aperte dopo la fine della crisi sanitaria. Per alcuni, il loro vantaggio principale sarebbe quello di promuovere l'accesso alla giustizia.
Tuttavia, riducendo le informazioni non verbali, i processi virtuali limitano la capacità dei testimoni di essere compresi, di sentirsi compresi e di comprendere adeguatamente gli altri. Poiché la valutazione della credibilità dipende dalla capacità dei giudici di capire cosa dicono i testimoni, l'impatto può essere significativo, soprattutto perché "[c] la redibilità è un problema che pervade la maggior parte dei processi, e nella sua forma più ampia può equivalere a una decisione sulla colpevolezza o sull'innocenza. "
Poiché lo svolgimento di un controinterrogatorio, a sua volta, dipende dalla capacità degli avvocati di comprendere in ogni momento le azioni e le parole dei testimoni, può avere un accesso ai tribunali che limita il comportamento non verbale a un volto su uno schermo. conseguenze di vasta portata. Come ha scritto la Corte Suprema del Canada: "Un controinterrogatorio efficace è parte integrante dello svolgimento di un processo equo e di un'applicazione significativa della presunzione di innocenza. "

L'importanza del dialogo interdisciplinare
L'uso di applicazioni come Skype o Zoom non dovrebbe essere preso alla leggera. Oltre agli effetti sulla valutazione della credibilità e sullo svolgimento di esami incrociati, i processi virtuali potrebbero avere altre conseguenze.

Articolo correlato
Il tuo letto probabilmente non è così pulito come pensi
Questi includono vittime disumanizzanti e imputati, un effetto già documentato tra gli immigrati ascoltati in videoconferenza. Le prove virtuali possono anche amplificare gli effetti negativi degli stereotipi facciali, il che può distorcere la valutazione delle prove e il risultato dei processi, fino al punto di determinare se una persona debba essere condannata a morte.
In considerazione di ciò, prima che i tribunali virtuali diventino permanenti o le leggi sono cambiate, il ruolo della comunicazione non verbale nelle aule giudiziarie dovrebbe essere pienamente apprezzato. Per massimizzare i vantaggi e minimizzare gli svantaggi del passaggio alla giustizia online, è fondamentale il dialogo tra la comunità giuridica e i ricercatori che lavorano in discipline come la psicologia, la comunicazione e la criminologia. The Conversation

L'autore
Vincent Denault, dottore in comunicazione, Università di Montreal
Questo articolo è ripubblicato da The Conversation sotto una licenza Creative Commons. Leggi l’articolo originale.

Da - https://it.innerself.com/social/justice/24125-why-virtual-courtrooms-may-threaten-justice.html

Registrato

Admin
Pagine: [1]
  Stampa  
 
Vai a:  

Powered by MySQL Powered by PHP Powered by SMF 1.1.21 | SMF © 2015, Simple Machines XHTML 1.0 valido! CSS valido!