LA-U dell'ulivo
Ottobre 17, 2021, 03:07:02 pm *
Benvenuto! Accedi o registrati.

Accesso con nome utente, password e durata della sessione
Notizie:
 
   Home   Guida Ricerca Agenda Accedi Registrati  
Pagine: [1]
  Stampa  
Autore Discussione: Seguo da tempo Gianni Cuperlo per conoscerlo meglio, ... sto cominciando.  (Letto 312 volte)
Admin
Administrator
Hero Member
*****
Scollegato Scollegato

Messaggi: 29.300



Mostra profilo WWW
« inserito:: Aprile 03, 2021, 05:04:13 pm »

Il Monitore Democratico.
 
Seguo da tempo Gianni Cuperlo per conoscerlo meglio, ... sto cominciando.
Letta avrà un compito difficilissimo nel tentativo di cambiare il PD in "meglio" nel senso di farlo muovere dal passato ingranaggio post comunista.
Ma non sono un tecnico sulle correnti ne sul concetto di corporazione.
Mi documenterò, nel frattempo i miei più caldi auguri a Letta.
Una cosa ho capito da Gianni Cuperlo come usare un fiume di parole per bellissimi concetti che sostengono il dissenso. Ma io da persona poco colta amo la sintesi (la virtù degli asini) e da sempre uso il pragmatismo del fin dove arrivo dico. Poi taccio e vado a leggere per verificare e riprendere a dire (scrivere) in modo più consapevole ma sempre in sintesi e in generale.
ciaooo
--------------------
Gianni Cuperlo
 
Stamane, al solito, se vi va. Grazie a Domani per l'ospitalità. Oggi pomeriggio alle 17.30 ricorderemo Alfredo Reichlin a quattro anni dalla scomparsa. Assieme a Pierluigi Ciocca, Pietro Reichlin e Cinzia Di Corato. Magari più tardi vi allego il link per quanti avessero tempo e piacere di seguire.
Buona giornata e un abbraccio

"Non conosco Mauro Berruto, so che nel suo campo è un professionista di grandissimo valore. Ha guidato la nazionale maschile di pallavolo ottenendo risultati straordinari. Nei giorni scorsi Enrico Letta lo ha coinvolto nella nuova segreteria del PD. Il giorno seguente ho letto la prima intervista che ha rilasciato nella nuova veste di dirigente politico, quella dove ha dichiarato di non essere iscritto al Partito Democratico. Posso supporre che nella scelta abbia pesato l’idea di un partito più inclusivo, capace di coinvolgere mondi e soggetti sinora lontani. Facendo i debiti distinguo, in anni lontani Giancarlo Pajetta aveva detto di Enrico Berlinguer che si era “iscritto giovanissimo alla direzione del Pci”. La battuta indicava come quel leader avesse scalato in modo rapido le gerarchie di un partito dove le carriere seguivano un percorso scandito. Certo, il vecchio partigiano mai avrebbe potuto pensare, “si è iscritto alla segreteria del partito senza averne la tessera”. L’episodio di adesso, però, può farci riflettere sul significato che ha l’adesione, la militanza, in un partito. Per iscriversi a quello di Pajetta i criteri erano rigidi. L’aspirante veniva introdotto in sezione da due “compagni” a garantire sulle sue referenze. L’essere passati da un tale modello all’elezione del segretario da parte di qualche milione di passanti, senza neppure la garanzia che alle elezioni quelli ti votino, un paio di interrogativi li pone. A partire da cosa abbia impedito di sperimentare una via mediana tra i due estremi. Oggi la segreteria del Pd ha deciso di avviare la sua nuova stagione con un vademecum che interpella i circoli sui contenuti della relazione svolta da Letta il giorno della nomina. Lo giudico un segnale positivo, ma il nodo rimane: che significato diamo all’iscriversi e militare in una forza come quella? E quale logica sorregge il “reclutare” nel massimo organismo una figura autorevole che a quel partito neppure ha mai aderito? È il modo per archiviare logiche e riti della vecchia forma partito, oppure è l’ennesima declinazione del modello “liquido” in voga da qualche anno? Anche per questo la scelta del bravissimo Berruto è interessante così come appare intrigante il programma che in quella intervista ha illustrato: l’intenzione, anch’essa sacrosanta, di insegnare ai dirigenti del Pd la necessità di “passare la palla”. Potendo transitare dalla pallavolo al pallone, tempo fa mi aveva colpito la descrizione del calcio totale giocato, tra gli altri, dall’Olanda degli anni ’70. Quegli undici fenomeni arancioni avevano sovvertito l’ordine: non più ruoli fissi coi calciatori a presidio di una zona di campo, ma un’abilità generosa dove tutti andavano a coprire le zone lasciate scoperte da un compagno aggredendo gli avversari nel possesso di palla e procurandosi ripartenze fulminanti. Se ho ben compreso, era una tecnica che chiedeva piedi buoni, tenuta fisica e una solidarietà di squadra indiscussa. Anche se quella nazionale non vinse i mondiali, sconfitta in ultimo da una Germania meno raffinata ma più pragmatica, lasciò dietro a sé un ricordo indelebile. Allora, tornando a noi, tutto starebbe nel trovare uno alla Cruijff, con un particolare. Che quel genio della palla non lo hanno selezionato una domenica tre milioni di olandesi, ma la gavetta di una formazione capace di fondere il talento in una squadra. Ah, col dettaglio che l’Ajax lo aveva tesserato."

Da me su Fb 22 marzo 2021
Registrato

Admin
Pagine: [1]
  Stampa  
 
Vai a:  

Powered by MySQL Powered by PHP Powered by SMF 1.1.21 | SMF © 2015, Simple Machines XHTML 1.0 valido! CSS valido!