LA-U dell'ulivo
Novembre 27, 2020, 12:06:46 am *
Benvenuto! Accedi o registrati.

Accesso con nome utente, password e durata della sessione
Notizie:
 
   Home   Guida Ricerca Agenda Accedi Registrati  
Pagine: [1]
  Stampa  
Autore Discussione: ARCURI, UN FALLIMENTO. SERVE L’ESERCITO PER ORGANIZZARE LA LOGISTICA SANITARIA  (Letto 183 volte)
Admin
Administrator
Hero Member
*****
Scollegato Scollegato

Messaggi: 28.471



Mostra profilo WWW
« inserito:: Novembre 17, 2020, 02:12:43 pm »

Il biologo Erico Bucci conferma l’analisi dell’Avanti! che chiede un cambio
nella guida dell’emergenza dal Consiglio Supremo di Difesa e Sicurezza
 
ARCURI, UN FALLIMENTO. SERVE L’ESERCITO PER ORGANIZZARE LA LOGISTICA SANITARIA

 
Di Stefano Carluccio

Rivolgendosi al Presidente Mattarella il 27 ottobre scorso, Claudio Martelli, direttore dell'Avanti! (Come riportiamo nel numero di questo mese) ha sollecitato che: “D’ora in poi il Consiglio Supremo della Difesa e Sicurezza accompagni e monitori, finché l’emergenza non sia finita, l’evolvere della situazione sanitaria e della sicurezza, i conflitti tra istituzioni e l’intensificarsi delle agitazioni sociali e di quelle strumentali. Il Paese, in questo momento più che mai, ha bisogno che la più alta Magistratura della Repubblica sia in campo attivando tutti gli strumenti di cui dispone e assicurando l’autorevolezza e l’imparzialità nella gestione della più grave crisi della storia repubblicana”.

Del Consiglio Supremo fa parte il Capo di Stato maggiore delle Forze Armate, oltre al presidente del Consiglio, i Ministri della sanità, dell’economia, degli interni e degli affari esteri. E’ l’unico Organo Costituzionale permanente per l’emergenza, coordina la Protezione civile, ed è presieduto dal Presidente della Repubblica.

I socialisti di Critica Sociale e dell’Avanti! hanno richiesto sin all’inizio della prima ondata e, a maggior ragione, al ritorno della seconda, giunta per inadempienza del governo e del CTS, che “si cambi marcia” nella conduzione dell’emergenza. In particolare sollecitando un ruolo diretto delle Forze Armate che hanno una catena di comando operativa autonoma e libera dalla paralizzante conflittualità di competenze politico-burocratiche tra Governo centrale e Regioni. Ed hanno il supporto di una ampia logistica internazionale che sarà assolutamente indispensabile per gestire la complessa organizzazione dell’urgente diffusione - e non semplice somministrazione -  del vaccino quando sarà disponibile.

Non siamo Cassandre. E’ di pochi giorni fa una analoga presa di posizione su Il Foglio del prof. Enrico Bucci che prevede “la più grande vaccinazione di massa della storia. Sarà molto simile a un’operazione militare. Solo che se gli Stati Uniti si stanno preparando al D-day come per lo sbarco in Normandia – da mesi i Centers for Disease Control and Prevention (Cdc) lavora a questo programma con il Dipartimento della salute e il Dipartimento della difesa e ha già delineato in diversi documenti tutte le fasi della strategia – l’Italia si sta organizzando come per la campagna di Russia, con il rischio concreto che cittadini e operatori sanitari si troveranno disorganizzati e mal equipaggiati come l’Armir”.

Il Prof. Bucci, dunque conferma e rafforza con nuovi argomenti l’insistenza con cui l’Avanti! ha chiesto e chiede una diretta assunzione di responsabilità del Consiglio Supremo guidato dal Presidente Mattarella. Non solo per la colpevole inerzia con cui è stata lasciata tornare la seconda ondata di epidemia, ignorando il Piano Crisanti che se adottato alla fine dell’estate - come dice il microbiologo - avrebbe persino offerto al nostro Paese un vantaggio in termini di fatturato, primo ad entrare, ma anche primo ad uscire dall’emergenza.
Non basta. L’inerzia del manico che tiene in pugno la situazione (Conte-Arcuri-Speranza-Cts) si mantiene impassibile: “Il 22 ottobre abbiamo scritto al commissario Arcuri, chiedendo l’organizzazione di un tavolo tecnico con tutta la filiera per programmare e monitorare la catena di approvvigionamento dei vaccini in sperimentazione. Finora non abbiamo avuto alcuna risposta”, rivela Pierluigi Petrone, presidente di Assoram, l’associazione della logistica farmaceutica.

Non resta che affidare l’operazione alle Forze Armate, sotto il coordinamento del Presidente Mattarella in sede di Consiglio Supremo.
E’ una decisione costituzionale, democratica e urgente. Di sua esclusiva responsabilità.
Parla Gustave Perna, generale dell’esercito americano, al vertice della logistica della US Army:
Siete pronti alla distribuzione se il vaccino viene approvato domani? - riporta Enrico Bucci sul Foglio da un’intervista alla televisione CBS.
“Sì, basta un semplice comando di ‘execute".
E se la distribuzione del vaccino non va secondo i piani, di chi sarà la colpa?
“Mia. Il discorso è chiuso. E’ abbastanza facile: mia. Mi ritengo personalmente responsabile al 100%”.

Un’operazione logistica senza precedenti. Milioni di dosi di un prodotto estremamente delicato viaggeranno per centinaia di chilometri sul continente europeo, attraverso porti, aeroporti o snodi ferroviari, per raggiungere ospedali, centri vaccinali e studi medici su tutto il territorio nazionale

Abbiamo detto: la più grande vaccinazione di massa della storia sarà molto simile a un’operazione militare. Ma per l’Italia sarà come la campagna di Russia.
Questo è più che un timore. Anzi una certezza, nello status quo in cui galleggia Arcuri: “Chi dai divani afferma che siamo impreparati e in ritardo non ha gli occhi onesti, non ha la mente libera e neppure la pazienza… Da ieri ci stiamo attrezzando”. Già, sempre “da ieri.. “.

Intanto nella strategia americana “Warp Speed” del generale Perna:

- la Biomedical advanced research and development authority (Barda) ha stipulato grossi contratti per fare scorta: centinaia di milioni di siringhe in arrivo entro dicembre 2020. Sono siringhe speciali di alta precisione per fiale multiple

- Inoltre, sempre la Barda si è occupata di aumentare la capacità produttiva nazionale: ha siglato un accordo con la BD (Becton Dickinson), uno dei più grandi produttori mondiali di dispositivi medici, che prevede un investimento pubblico da 42 milioni di dollari sui 70 totali per sviluppare lo stabilimento del Nebraska.

- A luglio, la stessa agenzia americana aveva siglato un accordo simile con un’altra azienda in Texas, la Retractable Technologies, per aumentare la capacità produttiva del 50% entro un anno.

- Alcuni paesi europei come Regno Unito, Francia, Belgio, Germania, Paesi Bassi, così come Stati Uniti e Canada hanno già pronti i loro piani.

Ma per Arcuri, l’oggi è sempre “da ieri”.

E infatti ancora oggi il lavoro dei 15 esperti del gruppo di lavoro coordinato dal direttore generale della prevenzione del ministero della Salute, Giovanni Rezza, appare davvero molto indietro: il piano che doveva essere già definito e presentato, deve ancora essere pensato.
Abbiamo ragione di temere, come sostiene Francesco Forte su questo numero dell’Avanti!, che il MES non sia stato richiesto perché il Piano sanitario per ottenere il finanziamento, semplicemente non ci sia.

Tuttavia la Cina ci sarà vicina nel settore farmaceutico nazionale, asse strategico inserito negli accordi della Via della Seta dal duo Conte-Di Maio.


da- Avanti del   17 novembre 2020


 

Registrato

Admin
Admin
Administrator
Hero Member
*****
Scollegato Scollegato

Messaggi: 28.471



Mostra profilo WWW
« Risposta #1 inserito:: Novembre 18, 2020, 04:25:50 pm »

Approfondimento

Zone rosse, la mappa delle province che potrebbero cambiare colore
17 NOVEMBRE 2020

All’interno della stessa regione ci sono situazioni molto diverse. Per questo i governatori chiedono di riaprire alcune aree

DI MICHELE BOCCI
Una cosa è la provincia di Pavia, un'altra quella di Como. Nella prima c'è un Rt da zona gialla, 1,22, nella seconda da rossa: 1,93. È solo un esempio di quello che succede nelle Regioni, dove la situazione può cambiare anche di molto se si passa da una provincia all'altra. Verona (1,04) non è come Rovigo (1,64), Taranto (1,23) è diversa da Brindisi (1,85). A dirlo sono i dati sull'indice di contagio preparati per la Cabina di regia dalla fondazione Bruno Kessler di Trento, che dovrebbero servire alle amministrazioni locali per decidere se creare nel loro territorio zone rosse. Visto però che ormai la maggior parte delle Regioni e delle Province autonome (16 su 21) sono in zona arancione o appunto rossa, i numeri potrebbero essere usati per fare l'opposto, cioè attenuare le restrizioni dove le cose vanno un po' meglio. È quello che stanno chiedendo i governatori (per ora inascoltati) al Consiglio dei ministri.
I dati sono quelli del monitoraggio di venerdì scorso e prendono in considerazione l'Rt di circa due settimane prima. Se questo è compreso tra 1,25 e 1,5 la regione diventa arancione, se è superiore a 1,5 è rossa. Nella valutazione sulla zona entrerebbe anche il rischio, basato sui 21 indicatori che le Regioni vorrebbero modificare. Questo però adesso è alto ovunque (tranne che in Molise), e le decisioni si prendono in base all'Rt calcolato sui sintomatici.
Se l'indice di replicazione ha problemi a raccontare cosa succede in una Regione, perché è molto legato anche alla capacità di tracciare e fare i test, a livello provinciale è ancora più esposto ad errori. D'estate si considerava poco credibile nei territori troppo piccoli perché i positivi erano pochi. Con l'aumento dei casi è diventato un po' più affidabile.
In alcune Regioni rosse ci sono province che potrebbero essere in giallo o in arancione. Va ricordato che certe realtà, messe nella zona con più restrizioni nella prima settimana del nuovo sistema, nel frattempo sono un po' migliorate. Per questo, ad esempio, in Piemonte non c'è più nemmeno una provincia che meriterebbe il rosso. In Lombardia, dove l'Rt regionale in base all'ultimo monitoraggio è 1,46, sarebbero ancora da rosso Como, Bergamo, Brescia, Mantova, Monza e Brianza e Lecco. Le altre stanno sotto. In Toscana, diventata rossa all'ultimo monitoraggio per un Rt di 1,8, stanno sotto quel colore solo Pisa e Siena. In Campania, peggiorata sempre la settimana scorsa, invece non ci sono province sotto l'1,5. L'Abruzzo si è messa da sola in zona rossa e vede esclusivamente Pescara, potenzialmente, arancione. In Calabria sia Cosenza che Reggio sarebbero da arancione.

Da - https://rep.repubblica.it/pwa/generale/2020/11/17/news/zone_rosse_la_mappa_delle_province_che_potrebbero_cambiare_colore-274794908/
Registrato

Admin
Pagine: [1]
  Stampa  
 
Vai a:  

Powered by MySQL Powered by PHP Powered by SMF 1.1.21 | SMF © 2015, Simple Machines XHTML 1.0 valido! CSS valido!