LA-U dell'ulivo
Ottobre 30, 2020, 01:43:29 pm *
Benvenuto! Accedi o registrati.

Accesso con nome utente, password e durata della sessione
Notizie:
 
   Home   Guida Ricerca Agenda Accedi Registrati  
Pagine: [1]
  Stampa  
Autore Discussione: Andrea SCANZI, Caro Vasco, sei sempre oltre... (Qui intendo Vasco "Differente")  (Letto 54 volte)
Admin
Administrator
Hero Member
*****
Scollegato Scollegato

Messaggi: 28.340



Mostra profilo WWW
« inserito:: Settembre 18, 2020, 06:59:16 pm »

Andrea Scanzi

Caro Vasco, sei sempre oltre ogni leggenda immaginabile e questo post mi ha fatto molto ridere.

Temo però che, in questo caso, tu abbia perfino dato troppa visibilità a colui che (con affetto palpabile) definisci “psicopatico povero pirla che scrive per Nicola Perro”. Per almeno due motivi.

In primo luogo, il tizio a cui alludi è un ameno rosicone cronico di nicchia che quindici anni fa giocava al rivoluzionario “de sinistra”, scrivendo nel sottoscala di un settimanale/mensile musicale e oggi, lungi dall’aver avuto successo, si è ridotto a firmare (immagino pure gratis!) per il sito di un mediamente noto iper-salviniano. E questo, per uno che decenni fa giocava - nell’indifferenza generale, s’intende - al Che Guevara degli alternativi, dà la misura della sua coerenza. Nonché del suo straziante agonizzare in cerca di un barlume di notorietà.

Il secondo motivo è dato proprio dal contesto: ridursi a scrivere (gratis!) per Nicola Perro è la prova in sé della sconfitta più totale. Non a caso, per quel sito ci scrive pure quel tal “storico” Gervasoni che ha attaccato in malo modo Rackete, Segre, Cucchi, Schlein e - più in generale - chiunque sia donna e non sovranista.

Il genio con cui te la sei presa, oltretutto, è uno che ha un prodigioso bacio della morte. Non appena entra in un progetto editoriale, quel progetto muore. O quantomeno agonizza. Sfollatore di lettori e consensi come nessuno, mesi fa attaccò a testa bassa anche Maria De Filippi. La quale, giustamente, se le prese con Perro che l’aveva pubblicato. E Perro, col consueto coraggio, essendo pure lui stipendiato da Mediaset si dissociò immediatamente dal pezzo (temendo la tremenda vendetta di Maria) e lasciò l’erculeo cronista alla trasversal mitraglia.

Come vedi, siamo a livelli di poraccitudine gasparriani.

Caro Vasco, questo qua non è Nantas Salvalaggio, che dopo averti visto a Domenica In sproloquiò deliri e ti ispirò la famosa citazione di Vado al massimo. Lui, Salvalaggio, era una prima firma. Un talento, per quanto raramente condivisibile. Questo qua è una sorta di Tabacci minore dei frustrati. Un Dertycia anonimo dei trasformisti. Un Luther Blissett dei rosiconi.

Ricordi Antonio Albanese? “Se lo sputo, lo profumo” (cit). Ecco.

La destra italiana è a livelli rasoterra. E i suoi giannizzeri, ancor più se ormai avvizziti nonché malinconicamente sconosciuti, non possono che somigliarle.

Un abbraccio.

Da - https://www.facebook.com/
« Ultima modifica: Settembre 18, 2020, 07:02:30 pm da Admin » Registrato

Admin
Pagine: [1]
  Stampa  
 
Vai a:  

Powered by MySQL Powered by PHP Powered by SMF 1.1.21 | SMF © 2015, Simple Machines XHTML 1.0 valido! CSS valido!