LA-U dell'ulivo
Agosto 16, 2022, 05:30:29 am *
Benvenuto! Accedi o registrati.

Accesso con nome utente, password e durata della sessione
Notizie:
 
   Home   Guida Ricerca Agenda Accedi Registrati  
Pagine: [1]
  Stampa  
Autore Discussione: AFRICA.  (Letto 1564 volte)
Admin
Administrator
Hero Member
*****
Scollegato Scollegato

Messaggi: 29.645



Mostra profilo WWW
« inserito:: Settembre 08, 2020, 05:11:49 pm »

In Africa sempre meno piogge. Ora il miraggio è la Jihad | Rep

Posta in arrivo
x
ggiannig <ggianni41@gmail.com>

A ME

https://rep.repubblica.it/pwa/generale/2020/09/07/news/in_africa_sempre_meno_piogge_ora_il_miraggio_e_la_jihad-266522072/
 
« Ultima modifica: Settembre 29, 2020, 11:00:53 pm da Admin » Registrato

Admin
Admin
Administrator
Hero Member
*****
Scollegato Scollegato

Messaggi: 29.645



Mostra profilo WWW
« Risposta #1 inserito:: Ottobre 25, 2020, 12:05:53 pm »


La Guinea è una polveriera per tutta l’Africa occidentale

Posta in arrivo

ggiannig <ggianni41@gmail.com>
gio 15 ott, 23:45 (10 giorni fa)
a me

http://temi.repubblica.it/micromega-online/la-guinea-e-una-polveriera-per-tutta-l%e2%80%99africa-occidentale/#.X4jC6kYcuGQ.gmail
Registrato

Admin
Admin
Administrator
Hero Member
*****
Scollegato Scollegato

Messaggi: 29.645



Mostra profilo WWW
« Risposta #2 inserito:: Aprile 07, 2021, 07:05:05 pm »

L'Africa crescerà più rapida del previsto

Posta in arrivo

Arlecchino Euristico
mer 31 mar, 15:18 (7 giorni fa)
a me

Il rapporto semestrale sul continente redatto da Banca Mondiale prevede che il Pil nella regione aumenterà tra il 2,3 e il 3,4% nel 2021 dopo la contrazione del 2020 a causa della pandemia -

https://www.agi.it/estero/news/2021-03-31/africa-crescita-rapida-pandemia-11993834/

Inviato da Posta per Windows 10

...

[Messaggio troncato]  Visualizza intero messaggio
Registrato

Admin
Arlecchino
Global Moderator
Hero Member
*****
Scollegato Scollegato

Messaggi: 7.174


Mostra profilo
« Risposta #3 inserito:: Luglio 16, 2022, 06:23:05 pm »

La suspension de Twitter au Nigeria en 2021 jugée "illégale" par la Cédéao

Posta in arrivo

Arlecchino Euristico
17:57 (24 minuti fa)
a me

https://www.voaafrique.com/a/la-suspension-de-twitter-au-nigeria-en-2021-jug%c3%a9e-ill%c3%a9gale-par-la-c%c3%a9d%c3%a9ao/6658716.html

Inviato da Posta per Windows

 

Registrato
Admin
Administrator
Hero Member
*****
Scollegato Scollegato

Messaggi: 29.645



Mostra profilo WWW
« Risposta #4 inserito:: Luglio 17, 2022, 11:03:28 am »

Come la crisi del Covid ha indebolito i sistemi alimentari nell'Africa subsahariana

Venerdì 11 giugno 2021, alle 10:28
In Africa oggi

La situazione alimentare nei paesi subsahariani è peggiorata. Diversi ricercatori spiegano come le misure contro il Covid-19 abbiano contribuito a questo indebolimento.
Da più di un anno siamo alimentati da informazioni ansiose sul Covid e sulle sue varie conseguenze sanitarie, economiche, sociali o psicologiche. Le notizie relativamente buone, tuttavia, sono passate abbastanza inosservate: finora la pandemia ha colpito poco l'Africa, ad eccezione del nord e dell'estremo sud del continente, non è stata letale come in altre parti del mondo. Al 3 giugno 2021, il bilancio per il continente era di 132.000 morti e 4,8 milioni di casi diagnosticati .
Tuttavia, molte organizzazioni di aiuto umanitario o di sviluppo avvertono del peggioramento della situazione alimentare e nutrizionale nei paesi dell'Africa a sud del Sahara, peggioramento dovuto in gran parte all'epidemia. L' ultimo rapporto della rete mondiale contro le crisi alimentari evidenzia il numero crescente di persone in situazioni di crisi, emergenza o carestia, in particolare nel continente africano che, nel 2020, contava quasi 100 milioni di persone in questo caso, rispetto ai 60 milioni del 2016 .
Che cos'è esattamente? In che misura questo deterioramento è dovuto ai vari effetti della pandemia di Covid-19? Non è facile dare una risposta precisa perché sono molteplici le cause esplicative che agiscono a diversi livelli (povertà, politiche pubbliche deboli a favore dei sistemi alimentari, conflitti multipli, ecc.). Le nostre osservazioni e quelle dei nostri partner e colleghi in diversi ambiti africani (vedi il numero speciale di Cahiers Agriculture sulla questione, ci portano a pensare che il Covid abbia un ruolo secondario ma comunque aggravante nelle situazioni fragili, che rallenti la crescita e la domanda e incide relativamente poco sulla produzione agricola, che si mantiene grazie a produttori abituati a gestire molteplici rischi.
Nel marzo 2020, i governi dei paesi africani stanno adottando misure rapide per limitare la diffusione del virus – chiusura delle frontiere, limitazione dei movimenti, coprifuoco, limitazione degli assembramenti, monitoraggio sanitario alle frontiere… – e mobilitando, con i loro partner internazionali, fondi per stabilire la prevenzione e strategie di cura.
Dopo alcuni mesi di paure e incertezze, anche ritirandosi nella propria casa, quando possibile "in paese", la vita ha ripreso gradualmente il suo corso come prima o quasi nelle grandi città del continente, siano esse Abidjan, Dakar, Yaoundé, Sikasso o Bobo Dioulasso. L'epidemia non è ancora divampata nell'Africa subsahariana. Il comportamento delle popolazioni è un po' cambiato – meno contatti sociali, grandi assembramenti familiari, limitazione dei viaggi di lavoro nelle amministrazioni e nelle aziende a livello nazionale e internazionale – ma non eccessivamente. Gli abitanti si spostano, spesso senza mascherine, e svolgono i loro soliti affari.
A inizio 2020 le misure anti-Covid destabilizzano i settori dei prodotti deperibili
Torniamo indietro: da marzo 2020 sono in atto misure restrittive abbastanza ferme. I commercianti di prodotti alimentari deperibili sono colpiti duramente: non possono più vendere i loro prodotti alle città (dove ristoranti e, in alcuni casi, mercati sono stati chiusi) e, spesso, non possono più attraversare i confini terrestri sotto -regionali, che sono stati chiusi per impedire la diffusione del virus.
Tuttavia, il commercio transfrontaliero è di grande importanza in tutta l'Africa occidentale e centrale. Inoltre, le autorità chiedono che gli autobus oi camion che trasportano merci e persone siano meno carichi (con persone). Questa misura porta ad un aumento del numero dei controlli su strada, che aumenta il costo del trasporto per unità di merce, che a sua volta rallenta e limita ulteriormente la possibilità di vendere questi preziosi prodotti ai mercati urbani.
I produttori di pomodori in Camerun non possono più vendere nelle principali città del paese o esportare in Gabon. Anche i coltivatori di patate in Guinea sono bloccati con scorte che non possono mantenere e stanno perdendo. Anche i settori lattiero-caseari emergenti sono colpiti in tutto il continente e in Madagascar e i produttori di questi prodotti ultra freschi sono totalmente devastati.
Infatti, le piccole e microimprese del settore informale, che forniscono molti posti di lavoro legati alla lavorazione e al commercio di prodotti deperibili, hanno dovuto ridurre le loro attività, non rinnovare molti posti di lavoro e spesso si sono indebitate.
Resilienza delle aziende agricole e dei mercati di input
Tuttavia, le aziende agricole in Africa sono per lo più aziende a conduzione familiare abituate a gestire molteplici rischi (rischi climatici, rischi per la salute umana, vegetale o animale, rischi di mercato) senza ricorrere ad alcuna forma di assicurazione formale. Per questo sono molto diversificati, e per la maggior parte, abituati a coltivare prodotti alimentari di base (cereali, radici e tuberi, banane e platani) in associazione con diversi ortaggi o legumi (piselli, fagioli) per coprire almeno la famiglia bisogni alimentari.
Inoltre, l'inizio della pandemia corrisponde all'inizio della stagione delle piogge e all'inizio della stagione agricola. I contadini iniziarono i raccolti come al solito. In alcune famiglie il ritorno degli studenti o dei bambini più grandi che si trovavano in città al momento della reclusione è stato talvolta addirittura una manna perché hanno partecipato ai lavori dei campi che sono ancora a corto di mani.
Infine, per queste colture alimentari di base, i produttori africani utilizzano pochi semi migliorati dai mercati, pochi fertilizzanti sintetici e pochi prodotti fitosanitari. Risultato: la produzione agricola agroalimentare nel 2020 non è stata fondamentalmente sconvolta dal Covid (poche persone erano malate) né dalle restrizioni legate alla pandemia (grazie alla relativa autonomia e resilienza dei produttori .
Per quanto riguarda le principali colture da esportazione (cacao, cotone, caffè, banana), che vengono coltivate con più input chimici (prodotti fitosanitari, fertilizzanti chimici), anche nel 2020 non c'è stato shock, in particolare legato al Covid.
I circuiti di importazione e distribuzione degli input (fertilizzanti, pesticidi sintetici) sono stati interrotti solo per brevi periodi e sono stati preservati durante la crisi (le barche, i porti hanno continuato a funzionare), così come i circuiti di esportazione.
Aumento dell'insicurezza alimentare
Tuttavia, i problemi di insicurezza alimentare e nutrizionale persistono e sono addirittura in forte aumento in diverse regioni dell'Africa… ma le cause sono raramente legate alla mancanza di capacità produttiva o al Covid.
L'ultimo rapporto della rete globale contro le crisi alimentari, citato sopra, mostra che i conflitti e gli spostamenti di popolazione sono la causa principale delle crisi alimentari nell'Africa occidentale e centrale, dove la popolazione in crisi alimentare è raddoppiata da 12,7 milioni nel 2019 a 24,5 milioni nel 2020 e la situazione dovrebbe peggiorare nel 2021.
Questi conflitti e lo sfollamento delle popolazioni indeboliscono tutti i territori, a volte su lunghe distanze perché i profughi si recano in città per trovare aiuto familiare e lavoro.
Infine, gran parte delle risorse degli Stati sono destinate al mantenimento della pace, cioè all'esercito e alle forze speciali, e non allo sviluppo. La pandemia del 2020 e la necessità di mobilitare risorse statali per la protezione della salute ha ridotto anche le risorse disponibili per lo sviluppo agricolo o la protezione sociale.
La maggior parte dei paesi ha vissuto una recessione economica. L'Africa subsahariana ha registrato un calo del PIL dell'1,9% nel 2020 secondo il Fondo monetario internazionale , mentre le previsioni erano piuttosto al rialzo del PIL. Se mettiamo in relazione questi dati con quelli della popolazione, il calo del PIL pro capite è ancora maggiore (-4,5%) e, sempre secondo il FMI, la capacità di risanamento di bilancio di questi Stati con risorse limitate ostacolerà il ritorno alla crescita per molti più anni e più che in altri paesi.
La somma di queste crisi (rallentamento economico globale, limitazione degli spostamenti interni e transfrontalieri, diverse misure precauzionali contro la diffusione del Covid) ha determinato un rallentamento della crescita nazionale che si riflette in una riduzione dell'offerta di lavoro e in un calo nel reddito. Questo fenomeno interessa principalmente le popolazioni urbane ma anche, per estensione, le popolazioni rurali che non trovano più sbocchi.
I canali per la vendita di prodotti alimentari di qualità (freschi, orti o latticini) dalle campagne alle città, che in tempi normali consentono di generare interessanti entrate monetarie per produttori e intermediari, sono molto lenti. I redditi rurali e il loro consumo di prodotti trasformati acquistati sui mercati sono in calo. Ciò si traduce in un deterioramento del bilancio alimentare per popolazioni già fragili. In effetti, sono le popolazioni rurali a soffrire maggiormente di denutrizione ei mercati forniscono l'accesso a una varietà di prodotti provenienti da altre regioni o altri paesi, il più delle volte dall'Africa. Quando questi mercati rallentano, la situazione alimentare e nutrizionale diventa fragile.
Rivalutare l'agricoltura e tutti gli attori dell'industria alimentare
L'osservazione degli agricoltori e degli attori della filiera alimentare in Africa mette in evidenza la loro grande capacità di resilienza di fronte a molteplici shock, ma questa resilienza ha il costo di un crescente indebolimento delle famiglie agricole e delle famiglie che dipendono da molteplici attività, commercio e trasformazione. Questa capacità di “resilienza” o di grande resistenza, mentre permette di evitare il peggio, non è necessariamente benefica per paesi e popoli. Anzi, è spesso sinonimo, in pratica, di un abbandono quasi totale da parte dei politici.
Gli agricoltori ei milioni di attori della catena alimentare sono spesso poco presi in considerazione dai politici. Non sono sufficientemente coinvolti nella definizione delle politiche che li riguardano direttamente. Ciò si riflette nei budget dedicati ai sistemi alimentari che troppo spesso vengono sacrificati.
________________________________________

Sandrine Dury , dottore in economia dello sviluppo agroalimentare, specialista in sistemi alimentari e alimentari, CIRAD ; Ludovic Temple , Ricercatore, CIRAD ; Precilia Tata Ngome , Ricercatore socioeconomico senior, Institute of Agricultural Research for Development (IRAD) e Syndhia Mathe , Ricercatore presso il Center for International Cooperation in Agricultural Research for Development (CIRAD) e l'International Institute of Tropical Agriculture (IITA), CIRAD

Questo articolo è stato ripubblicato da The Conversation con licenza Creative Commons. Leggi l' articolo originale .
Da - https://lejournaldelafrique.com/comment-la-crise-de-la-covid-a-fragilise-les-systemes-alimentaires-en-afrique-subsaharienne/

Registrato

Admin
Pagine: [1]
  Stampa  
 
Vai a:  

Powered by MySQL Powered by PHP Powered by SMF 1.1.21 | SMF © 2015, Simple Machines XHTML 1.0 valido! CSS valido!