LA-U dell'ulivo
Ottobre 31, 2020, 09:11:30 am *
Benvenuto! Accedi o registrati.

Accesso con nome utente, password e durata della sessione
Notizie:
 
   Home   Guida Ricerca Agenda Accedi Registrati  
Pagine: [1]
  Stampa  
Autore Discussione: Motivazione a cambiare ...  (Letto 254 volte)
Arlecchino
Global Moderator
Hero Member
*****
Scollegato Scollegato

Messaggi: 6.239


Mostra profilo
« inserito:: Agosto 04, 2020, 02:26:41 pm »

Motivazione a cambiare

Cinzia insegna da quando aveva 23 anni, ha due figli "unici di 12 e 24 anni, accuratamente distanziati"

Cinzia Botta, 56 anni, prof di ruolo da 28, insegna Italiano e Latino al Liceo Gobetti di Torino

“Insegno da tanto tempo e non ho mai smesso di studiare. Questo il bello, anzi, senza iperbole, il meraviglioso dell'insegnamento per me.  Anni di vita trascorsi (anche) così, non mi hanno logorata, né tediata, né resa risentita o delusa. E qualcosa di simile all'entusiasmo mi ha invasa proprio in questo anno per molti versi catastrofico per l'umanità intera: travolta, così è parso, da una perturbazione totale del modo di vivere. L'entusiasmo cui mi riferisco mi ha pervasa quando ho capito quanta libertà di sperimentare mi concedesse la nuova contingenza".

"Mi sono lanciata a capofitto in una didattica nota da anni, definita classe capovolta, approfondendone la conoscenza e adattandola alla mia formazione, alla mia visione del mondo e della scuola, al mio progetto individuale (sogno lo definisce Danilo Dolci) che riguarda ogni studente affidatomi.  La didattica capovolta è, per quanto ho potuto constatare in questa contingenza, quello che ci vuole per rendere entusiasmante per tutti insegnamento e apprendimento.  Per il modo in cui è concepita, rende possibile restituire centralità, come si scrive spesso, senza costrutto, nei nostri Piani triennali dell’offerta formativa, al pensiero critico, il grande assente dalle scuole di ogni ordine e grado, conquistate dalla retorica di un insegnamento uguale per tutti".

"In perfetta contraddizione col fatto che gli stili cognitivi siano tanti (per fortuna), come le dotazioni di talenti, e che le idee si nutrano tra l'altro di contraddizioni, di varietà e di confronti, di stimoli colti attraverso discussioni condotte nel rispetto reciproco, animati dal desiderio di capire prima di ribattere, di pensare prima di parlare, di meditare e di lasciar modo alla riflessione di far maturare e rendere proficue per tutti le acquisizioni raggiunte".

"La didattica capovolta sovverte, tra l’altro, un rapporto convenzionale e cristallizzato: l'insegnante che discetta e l'allievo che ripete, nella migliore delle ipotesi, senza contributi, senza domande vere (quelle che non prevedono già la risposta), senza il disegno comune di andare da qualche parte insieme, una parte nuova, diversa, non già tracciata e ripetuta. Ebbene, questa è la mia lettera di motivazione per l'anno che verrà. Al centro della motivazione ci sono i desideri, e senza questi nessuno può essere una buona guida. Per quanto momentanea e interscambiabile essa sia".
7 commenti
3 ore fa
Patrizia Manni
Ecco: in questa maniera credo si possa tirar fuori da ogni allievo e da ogni Maestro quello che vale, quello che fa maturare. BRAVA, quando ho trovato Insegnanti così sono cresciuta nella vita. AUGURI

4 ore fa
Salvatore Del Vecchio
Complimenti alla prof Cinzia Botta per l'incipit della sua riflessione e per l'entusiasmo che esprime nel descrivere il suo lavoro: uno dei più belli assieme a quello del medico che in genere cura solo il corpo.
RispondiCondividi21

4 ore fa
Angela Stellacci
Condivido interamente le idee di Cinzia: anch'io ho sperimentato nuove forme di didattica che hanno dato la possibilità, per assurdo, ai ragazzi in difficoltà di esprimersi e realizzarsi più liberamente rispetto alla didattica tradizionale. Tuttavia direi di utilizzare il meglio di ciascuna pratica, considerando che il nuovo non rinnega necessariamente il vecchio.

4 ore fa
Apostolos Petratos
Cara Cinzia grazie per il modo gioioso di raccontarci la sua d'insegnante restituendo alla sua esperienza il valore essenziale che la caratterizza. Mi ha fatto piacere il ricordo di Danilo Dolci e del suo approccio maieutico all'affrancamento dalle forze che opprimono l'uomo. La didattica capovolta richiede grande amore per il lavoro con e per i ragazzi. Molte altre attività si dovrebbero ispirare a questo e a simili approcci. Spesso su questa rubrica si è parlato della Sanità. Se i medici e in generale gli operatori sanitari vedessero l'importanza di non interrompere mai lo studio mentre esercitano la loro professione, sono sicuro che i risultati sarebbero molto incoraggianti. Il rapporto di  rispetto reciproco tra questi e i pazienti ne guadagnerebbe tanto. Insegnamento con amore ed entusiasmo ed esercizio dell'attività medica con al centro sempre e comunque il malato, anche se ambiti diversi, contribuirebbero a farci vivere meglio.

6 ore fa
Franco Bifani
Non sono convinto che il nuovo sistema di didattica possa indurre un cambiamento radicale positivo
nei metodi di insegnamento. Penso che possa essere un utile complemento audiovisivo della
didattica tradizionale, cui venire affiancato, ma non da sostituirla per intero.
Da migliaia di anni, la figura del maestro, fisicamente presente, con tutti i suoi pregi e difetti, tra isuoi allievi, rimane, per me, centrale e insostituibile, specie se al suo posto deve comparire un gelido schermo di PC. Una lezione telematica può e deve essere integrativa, non sostitutiva, di quella tra docente ed allievi n carne ed ossa. Il che non significa una misera lezione frontale a base di blabla da ripetere a pappagallo, ma suscitatrice di input e curiosità di approfondimento ed ulteriore ricerca.

3 ore fa
Cristina Picciolini
Sono d'accordo, la scuola è anche teatro dove si impara a rispettare i ruoli, e dove c'è la bellezza di sentirsi qualche volta protagonisti e altre volte antagonisti.

2 ore fa
Franco Bifani
Preferisco pensare ad una scuola dove tutti siano protagonisti, e nessuno antagonista. Si cresce insieme, maestri, prof, alunni. Si impara tanto, reciprocamente, nessun adulto è perfetto ed imperfettibile. In quasi 40 anni di insegnamento, i miei alunni mi hanno trasmesso tante cose, c’era un doppio binario a due sensi, tra me e loro. Ho 75 anni, me li ricordo tutti, specie quelli delle serali, dove io avevo vent’anni e loro il doppio.

Da - https://invececoncita.blogautore.repubblica.it/articoli/2020/08/04/motivazione-a-cambiare/
Registrato
Admin
Administrator
Hero Member
*****
Scollegato Scollegato

Messaggi: 28.349



Mostra profilo WWW
« Risposta #1 inserito:: Settembre 06, 2020, 12:17:39 pm »

La Collina dei Curiosi
Immaginare. Conoscere. Realizzare.

Oggi 18 Settembre 2015 abbiamo la conferma che ottenere partecipazione attiva alla vita di un gruppo non è facile. Non ci si illudeva fosse diversamente in un sito come questo.

Come consolazione ammetto che neppure in siti miei e gestiti seriamente da anni ottengo partecipazione diversa da qui.
Occorre accontentarsi e essere soddisfatti dei lettori costanti e meglio ancora in crescita.

La mia rassegna stampa (LAU con una selezione di news scelte a mio libero criterio) registra una media di circa 50 lettori al giorno.
Oggi 6 settembre intorno a 100.

E' buona comunicazione ... purtroppo non è ancora "dialogare".
ciaooo

da Fb 1 settembre 2020.

aggiornato al 6 setembre 2020
Registrato

Admin
Admin
Administrator
Hero Member
*****
Scollegato Scollegato

Messaggi: 28.349



Mostra profilo WWW
« Risposta #2 inserito:: Settembre 21, 2020, 12:12:31 pm »

Serena Dandini: “Maschi, imparate a contare” | Rep

Posta in arrivo
x

Arlecchino Euristico
mer 16 set, 14:27 (5 giorni fa)
a me

https://rep.repubblica.it/pwa/commento/2020/09/15/news/donne_diritti_disuguaglianza_di_genere_serena_dandini_maschi_imparate_a_contare-267403728/

Inviato da Posta per Windows 10

 
Registrato

Admin
Admin
Administrator
Hero Member
*****
Scollegato Scollegato

Messaggi: 28.349



Mostra profilo WWW
« Risposta #3 inserito:: Settembre 24, 2020, 06:12:04 pm »

Share
Business 23 Settembre, 2020 @ 10:27

8 regole per stimolare “il potere delle persone” secondo la storica chief talent officer di Netflix

Di Forbes.it
Staff

Arriva oggi in libreria per Roi Edizioni “Il Potere delle persone”, l’ultimo libro di Patty McCord. Per 14 anni chief talent officer di Netflix, la manager ha innovato l’interpretazione del concetto di risorse umane creando il Culture Deck, uno dei più importanti documenti in materia di HR prodotto dalla Silicon Valley.

Il libro è il frutto e racconto del suo operato all’interno di Netflix, una guida alla gestione dei talenti scritta per i team leader di tutti i livelli, in cui espone il suo metodo per ottenere dai propri dipendenti e collaboratori delle performance elevate. Partendo dall’assunto che trasmettere ai dipendenti dei valori di base e poi lasciarli liberi di metterli in pratica crea dei team incredibilmente energici e proattivi.

Ecco di seguito le 8 regole d’oro per “stimolare il potere delle persone” svelate da Patty McCord:
Trattare i dipendenti da adulti: i team eccellenti si creano assumendo persone adulte di talento che vogliono affrontare una sfida e comunicando con loro – chiaramente e continuamente – sulle difficoltà strategiche e operative che la sfida comporta.
Aggiornarli costantemente sulla sfida che hanno di fronte: ogni dipendente dovrebbe conoscere il business. Il modello da prendere a riferimento sono gli allenatori, non i consulenti, i professori o gli intrattenitori. Capire come funziona il business è la forma più preziosa di apprendimento.
Usare la massima trasparenza: gli esseri umani odiano sentirsi raccontare bugie e venire manipolati. Praticate la sincerità e le persone si adegueranno. Tutti hanno il diritto di conoscere anche i problemi dell’azienda e, se si ha torto ammetterlo, così da ricevere un input migliore.
Discutere animatamente: bisogna avere opinioni ben motivate e difenderle solo sulla base dei fatti. Un dibattito intenso e aperto sulle decisioni di business è emozionante per i team, che sfrutteranno l’occasione per mettere in campo tutto il meglio delle loro capacità analitiche.
Costruire oggi l’azienda di domani: concentrarsi incessantemente sul futuro. Per rimanere agili e star dietro al cambiamento, è necessario assumere oggi le persone per domani. Alcuni membri del team potrebbero semplicemente non essere in grado di diventare high performer per il futuro a cui puntate. Non è compito dell’azienda investire nella loro crescita, ma sviluppare il prodotto e il mercato.
Mettere la risorsa giusta al posto giusto: bisogna sviluppare la capacità di inserire persone competenti in tutte le posizioni.
Pagare le persone in base a ciò che valgono per l’azienda: le competenze e i talenti che occorrono per una determinata posizione non corrispondono a una job description esemplificativa astratta, e gli stipendi non andrebbero prestabiliti in base a job description teoriche. Non bisogna pensare solo a quanto ci si può permettere in base all’andamento corrente del proprio business, ma anche a quanto ci si potrà permettere in futuro grazie ai ricavi addizionali generati dal nuovo assunto.
L’arte di lasciarsi da buoni amici: attuare rapidamente i cambiamenti necessari per rendere l’azienda un datore di lavoro che fa curriculum. Tutti i manager possono aiutare attivamente i collaboratori in uscita a trovare nuove opportunità stimolanti.

Da - https://forbes.it/2020/09/23/8-regole-per-stimolare-il-potere-delle-persone-secondo-la-storica-chief-talent-officer-di-netflix/
Registrato

Admin
Admin
Administrator
Hero Member
*****
Scollegato Scollegato

Messaggi: 28.349



Mostra profilo WWW
« Risposta #4 inserito:: Ottobre 30, 2020, 02:34:29 pm »

Le mappe che mostrano che la vita sta migliorando | Notizie dal mondo | Il guardiano

Posta in arrivo

ggiannig <ggianni41@gmail.com>
dom 18 ott, 11:39 (12 giorni fa)
a me

https://www.theguardian.com/world/2020/oct/17/the-maps-that-show-life-is-slowly-getting-better
 
Registrato

Admin
Pagine: [1]
  Stampa  
 
Vai a:  

Powered by MySQL Powered by PHP Powered by SMF 1.1.21 | SMF © 2015, Simple Machines XHTML 1.0 valido! CSS valido!