LA-U dell'ulivo
Agosto 12, 2020, 05:18:31 am *
Benvenuto! Accedi o registrati.

Accesso con nome utente, password e durata della sessione
Notizie:
 
   Home   Guida Ricerca Agenda Accedi Registrati  
Pagine: [1]
  Stampa  
Autore Discussione: Cosa è successo alla festa per i 10 anni del Movimento 5 stelle. Marvin Ceccato  (Letto 310 volte)
Arlecchino
Global Moderator
Hero Member
*****
Scollegato Scollegato

Messaggi: 6.105


Mostra profilo
« inserito:: Ottobre 16, 2019, 12:53:07 pm »

Cosa è successo alla festa per i 10 anni del Movimento 5 stelle
07:51, 13 ottobre 2019

Di Marvin Ceccato

Di Maio, Casaleggio e Grillo sottolineano come il M5s abbia cambiato la politica italiana. Conte: "Il Movimento è il trionfo della politica". Ma sullo sfondo resta il nodo delle alleanze col Pd

Il Movimento 5 Stelle ha cambiato la politica dell'Italia ora, al governo, è pronto a cambiare il Paese. Luigi Di Maio sale sul palco dell'Arena Flegrea dopo un bagno di folla in mezzo agli attivisti, fra selfie e strette di mano per 'salutare i dieci anni compiuti dal Movimento 5 Stelle. Annuncia una nuova stagione di riforme.

Dopo il taglio del numero dei parlamentari, avanti con la semplificazione dello Stato per fare uscire i cittadini dall'inferno degli enti pubblici. E sulla manovra: stop tasse e taglio del cuneo fiscale. L'obiettivo è mantenere tutte le promesse fatte ai cittadini: ci sono tre anni davanti per essere la prima forza politica che porta a compimento tutto il programma elettorale. Ricorda di aver fatto due passi indietro quando gli hanno chiesto di fare il presidente del Consiglio, prima con una coalizione con Silvio Berlusconi, poi con la Lega, quest'estate, dopo che il partito di via Bellerio ha mandato a casa, di fatto, l'esecutivo.

Ma è "contento" perché ora alla guida dell'esecutivo c'è Giuseppe Conte. E il premier oggi ha avuto un'accoglienza da star. Ressa di gente al ritmo di 'presidente presidente' nel giro fra gli stand della festa di 'Italia a 5 Stelle' e standing ovation nell'Arena Flegrea infatti, per il capo del Governo che ha infiammato la platea con il suo intervento.

"Vi hanno chiamato rivoluzionari solo perché avete voluto rispettare la Costituzione", "vi hanno voi siete l'antipolitica ma siete il trionfo della politica, della buona politica, onorate le istituzioni con i comportamenti onesti, la trasparenza e la correttezza", ha detto il presidente che non si è sottratto alle domande sul Russiagate, rispondendo 'istituzionalmente' che riferirà al Copasir e dopo spazzerà via "una serie di fesserie che sono state scritte".

Conte risponde poi a chi gli chiede se è sua intenzione fondare un nuovo partito: "Ci sono già molti soggetti politici, dobbiamo lavorare con quelli che ci sono. Lavoro benissimo con il Movimento. Dobbiamo lavorare con le forze politiche che sostengono questa maggioranza". Davide Casaleggio elogia il Movimento: esiste perché fa la differenza e gli ostacoli lo hanno fortificato.

Li ha superati e ha portato a casa riforme importanti. Beppe Grillo, come sempre, non lesina le battute: l'unico difetto di Conte? "Le adenoidi", dice. Sullo sfondo resta il tema delle alleanze rilanciate dal segretario Dem, Nicola Zingaretti: il Movimento 'frena': si decide caso per caso. Il Movimento 5 stelle procede con i piedi di piombo sulla prospettiva di un'alleanza futura con il Pd ventilata ieri dal segretario Dem, Nicola Zingaretti. Sono in tanti a non voler premere sull'acceleratore. Alleanza? "Che vuol dire alleanza... accordo, cominciamo a verificare come va l'esperimento della lista civica in Umbria", sottolinea un esponente pentastellato.

"Noi stiamo facendo insieme qualcosa a livello nazionale", spiega il neo Questore della Camera e già capogruppo M5s, Francesco D'Uva: "Lo stiamo facendo per fare le cose giuste per il Paese. In Umbria abbiamo messo da parte gli interessi di lista per il bene del territorio", osserva. Intanto, il capo politico di M5s torna sul tema in tv ed esclude che al momento siano all'ordine del giorno altri patti regionali nè tantomeno nazionali con il Pd. E, a Napoli, fra gli attivisti, c'è chi osserva: "Le alleanze non si fanno. Abbiamo sempre detto che le idee non sono né di destra né di sinistra. Se le idee sono buone si parla con tutti. Se continuiamo a parlare di Lega, Pd, M5s, non ne usciremo mai fuori. Per esempio, nel settimo municipio di Roma con il Pd c'è un rapporto fallimentare e paradossalmente si lavora meglio con FdI".
Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it

Da agi.it
Registrato
Pagine: [1]
  Stampa  
 
Vai a:  

Powered by MySQL Powered by PHP Powered by SMF 1.1.21 | SMF © 2015, Simple Machines XHTML 1.0 valido! CSS valido!