LA-U dell'ulivo
Luglio 16, 2020, 06:07:46 am *
Benvenuto! Accedi o registrati.

Accesso con nome utente, password e durata della sessione
Notizie:
 
   Home   Guida Ricerca Agenda Accedi Registrati  
Pagine: [1]
  Stampa  
Autore Discussione: Assemblea Pd, Zingaretti proclamato segretario: "Serve un nuovo partito, deve...  (Letto 913 volte)
Arlecchino
Global Moderator
Hero Member
*****
Scollegato Scollegato

Messaggi: 5.879


Mostra profilo
« inserito:: Marzo 21, 2019, 11:40:40 pm »

Assemblea Pd, Zingaretti proclamato segretario: "Serve un nuovo partito, deve cambiare tutto".

Il livetweet dei lavori Assemblea Pd, Zingaretti proclamato segretario: "Serve un nuovo partito, deve cambiare tutto".

Al governatore del Lazio 1 milione e 35 mila voti, pari a 653 delegati in Assemblea.
Si eleggono anche i 120 membri della direzione, il "parlamentino" dem. Boschi: "Voterò Gentiloni presidente".
Renzi assente, manda auguri su Facebook
17 marzo 2019

Parte ufficialmente oggi l'era zingarettiana del Partito Democratico con la prima riunione, all'hotel Ergife di Roma, dell'Assemblea Nazionale del partito. Un'Assemblea affollatissima, forse la più partecipata di sempre con oltre 2.000 persone tra delegati e ospiti, che rispecchia i valori in campo alle primarie con le truppe del neosegretario in netto vantaggio (con il 66 per cento) sull'ex maggioranza renziana.

Oggi viene nominato il presidente (scontato il nome di Paolo Gentiloni), il tesoriere (quasi sicuro Luigi Zanda) e si riunisce per la prima volta la direzione. "Voterò Gentiloni presidente, non faccio parte di nessuna corrente", ha detto Maria Elena Boschi arrivando all'Ergife. La stessa Boschi ha poi salutato calorosamente Zingaretti al suo arrivo. Anche l'area Lotti-Guerini voterà Gentiloni. Matteo Renzi, assente invece per motivi privati, manda un augurio al neosegretario su Facebook: "Oggi Nicola Zingaretti inizia il suo lavoro come Segretario Nazionale del Pd. Un abbraccio a lui e a tutta la squadra che lavorerà con lui. L'Italia si aspetta dal Pd una risposta allo sfascio di Salvini e Di Maio, non più polemiche interne. Avanti tutta! Buon lavoro, Nicola".

APPROFONDIMENTO
Assemblea nazionale, il giorno di Zingaretti: “Ridaremo orgoglio al Pd”
DI GIOVANNA VITALE
In camicia bianca e cravatta blu, Zingaretti è stato dunque proclamato ufficialmente segretario da parte del presidente della Commissione Congresso, Gianni Dal Moro, dopo la lettura dei risultati definitivi delle primarie (votanti: 1.582.083. Martina ha ottenuto 345.318 voti pari al 22%, Zingaretti 1.035.955 pari al 66%, Giachetti 188.355 voti pari al 12%. I componenti dell'Assmblea sono così suddivisi: 119 membri dalle liste collegate a Giachetti, 228 per l'area Martina, 653 delegati per Zingaretti).


"Ricordiamo che oggi 17 marzo si festeggia l'Unità di Italia - esordisce Zingaretti nel suo intervento- un augurio al Paese che amiamo e per il quale lottiamo. Tutto ciò che ci accade intorno ci dice che ora dobbiamo muoverci. Insieme, io mi auguro, dobbiamo metterci di nuovo in cammino".

"Non è in gioco solo il governo ma le fondamenta irrinunciabili" della nostra comunità politica, continua il segretario dem. "Il Paese è bloccato e sta decadendo. Il pil è fermo - prosegue - nel prossimo autunno ci sarà bisogno di una manovra di decine di miliardi di euro e sarà drammatica".

"Su tutte le questioni più urgenti- osserva ancora- abbiamo un governo che pronuncia solo degli imbarazzanti 'ni' con un fraseologia tipica della prima Repubblica. L’Italia è un grande paese che non si governa con i 'ni', non si governa con l'immobilismo. Così l'Italia galleggia malamente, con la prospettiva di affondare presto se non si fa qualcosa".

"Dobbiamo voltare pagina, dobbiamo cambiare noi, occorre un partito diverso, inclusivo, dialogante, empatico con la società - dice ancora Zingaretti -  un partito che riprende a fare politica. Dobbiamo rimettere al centro la persona umana, come hanno fatto le ragazze e i ragazzi scesi in piazza per il clima. Serve più riformismo per affrontare il futuro. Dobbiamo rimettere al centro la giustizia sociale, perché la lotta alla povertà è la condizione per stare meglio tutti". Altro obiettivo è quello di  cui c'è un disperato bisogno è quello di "ricostruire una classe dirigente italiana. Dobbiamo conoscere il passato per vivere il presente e costruire il futuro. Mettiamoci alle spalle le contese sugli equilibri interni, avviamo una dialettica nuova tra le componenti. Non dobbiamo più neppure lambire una politica lontana dalla vita".

Quattro sono i pilastri del Pd Zingaretti: "Infrastrutture materiali, serve grande piano per un'Italia più sicura ma anche più rispettosa dell'ambiente. Perché solo con una svolta green si può tornare a produrre ricchezza. La riconversione ecologica dell'economia è il futuro. L'Italia deve contribuire all'obiettivo di emissioni zero in Europa". Il secondo pilastro sono le infrastrutture immateriali, la Rete: "Serve un grande piano per rilanciare innovazione e sapere e superare il digital divide". Terzo l'infrastruttura della conoscenza: "Investire sulla scuola e sull'istruzione pubblica come architrave di un'ampia operazione di crescita culturale". Quarto, welfare e sanità: "Non crediamo nella monetizzazione del welfare, non daremo tregua a questo governo. Ci batteremo per la sanità pubblica promuovendo quota 10, ossia un incremento di 10 miliardi per aumentare i livelli di assistenza e assumere 100mila nuovi operatori nella sanità pubblica italiana. La vera priorità di questa epoca è il lavoro, in tutto il Paese ma soprattutto nel Mezzogiorno".

Zingaretti poi spiega come dovrà cambiare il Pd: "Dobbiamo cambiare tutto, penso a un nuovo statuto da scrivere insieme. Credo in un partito aperto e pluralista, aperto al civismo e al volontariato. I nostri circoli tornino ad essere i luoghi dove gli altri si organizzazione per iniziative di associazionismo. Dobbiamo cambiare un correntismo esasperato che ha lasciato fuori troppe persone. A noi serve un Pd forte ma anche una rete di corpi intermedi. Dobbiamo costruire un campo democratico largo per impedire la salvinizzazione del Paese. Dobbiamo radicare un Pd più allargato e inclusivo, senza settarismi. Potranno farne parte anche forze diverse, forze civiche ma anche di orientamento liberale, persino nobilmente conservatrici che sono ugualmente lontane da Salvini". Insiste sul movimento ambientalista di Greta Thunberg: "Spalanchiamo le porte del nostro partito a questa nuova generazione, ai ragazzi come Greta, non abbiamo paura di coinvolgerli".

Attenzione anche alle donne: "Abbiamo bisogno di un protagonismo delle donne, già da domani e nelle prossime settimane avvierò le procedure per ricostituire la Conferenza nazionale delle donne democratiche". E critica la conferenza sulla famiglia in programma a Verona, a cui parteciperà anche Matteo Salvini.

Quanto alle europee, Zingaretti conferma che la collocazione del Pd sarà nel gruppo dei dei socialisti e democratici, "grazie alla scelta di Matteo Renzi, che ha sciolto (quando era segretario, ndr) il nodo della nostra collocazione".  E aggiunge: "Vi propongo la nostra prima iniziativa. Facciamo nostro e rilanciamo l'appello lanciato da Romano Prodi dai fare del 21 marzo una giornata per la nuova Europa, esponendo la bandiera europea".

I mille
L'Assemblea Nazionale del Pd è composta, da Statuto, da mille persone. Il numero dei componenti dell'Assemblea, però, aumenta per la presenza dei membri di diritto: gli ex segretari, i segretari dei partiti fondatori, gli ex premier, gli ex ministri, i titolari di cariche istituzionali e di quelle interne al partito. Fanno parte dell'Assemblea, poi, i segretari regionali del partito, i 300 delegati regionali, i 100 delegati dai gruppi parlamentari (60 per la Camera dei deputati, 30 per il senato e 10 per l'Europarlamento), quelli delle mozioni non ammesse alle primarie. In tutto, la platea di delegati dovrebbe essere composta da 1.130 persone circa. Visto che le forze in campo "fotografate" dalle primarie parlano del 67% dei delegati per Zingaretti, 23% per Maurizio Martina e 11% per Roberto Giachetti, il neo segretario potrà contare su circa 670 persone più i membri di diritto a lui vicini. Dunque, circa 700 persone in tutto.
La direzione
Spetta all'Assemblea votare la direzione nazionale, composta da 120 membri eletti con metodo proporzionale. Anche la Direzione, come l'Assemblea, conta una serie di membri di diritto come il segretario, il presidente, i vicesegretari, il tesoriere, i capigruppo, i titolari di cariche istituzionali. Il segretario, tuttavia, può allargare la direzione a venti personalità del mondo della cultura, del lavoro, dell'associazionismo, delle imprese. La direzione ha il compito di elaborare l'indirizzo politico del partito stesso, nonché di votare a maggioranza il meccanismo con cui l'Assemblea eleggerà una segreteria (e un segretario) nazionale. La Direzione è diretta dal presidente dell'Assemblea, che la convoca di norma ogni due mesi o in casi eccezionali.

Da - https://www.repubblica.it/politica/2019/03/17/news/assemblea_pd_livetweet-221752690/?ch_id=sfbk&src_id=8001&g_id=0&atier_id=00&ktgt=sfbk8001000&ref=fbbr&fbclid=IwAR0N4Y8p6yEwT0ARVEJVn1e4xkwqAJx-_BjMd3k3mMHclJ34d1FEjtJxM24
Registrato
Arlecchino
Global Moderator
Hero Member
*****
Scollegato Scollegato

Messaggi: 5.879


Mostra profilo
« Risposta #1 inserito:: Marzo 22, 2019, 11:19:43 pm »

Bandiere per il futuro, il Pd si mobilita per l’Europa
Focus
Europa

I dem aderiscono all’appello di Prodi e invitano tutti ad esporre alla finestra la bandiera blu con le stelle gialle. Zingaretti vola a Bruxelles

“Serve un nuovo Risorgimento. La bandiera dell’Europa, da affiancare a quella italiana. Nel mondo che non era ancora globale per difenderci bastava la bandiera italiana, ora ne servono due, c’è bisogno dell’Europa”. E’ con queste parole che Romano Prodi, alcuni giorni fa, invitava alla ‘mobilitazione delle finestre’ il popolo italiano che vede nel sogno europeo un traguardo a cui ambire e da perseguire con forza e determinazione.

Un appello a cui il segretario del Pd Nicola Zingaretti ha aderito immediatamente, facendola diventare la prima iniziativa politico del nuovo corso dem. “La lista unitaria per l’Europa – ha detto domenica scorsa durante il suo intervento in Assemblea – parte dalla consapevolezza che l’Europa si salva se cambia. Vi propongo dunque la prima iniziativa: facciamo nostro e raccogliamo l’appello di Romano Prodi per fare del 21 marzo una giornata per la nuova Europa esponendo le bandiere dell’Unione alle nostre finestre”.

Da nord a sud della Penisola, da Milano a Palermo, si moltiplicano le iniziative volte a fare del 21 marzo una vera e propria festa per l’Europa. Diversi enti locali esporranno la bandiera blu a stelle gialle sui palazzi istituzionali, tra questi il Comune di Pesaro, come spiega il sindaco Matteo Ricci: “E’ un modo – ha detto – per rilanciare i valori dell’Unione Europea, di pace, sviluppo, diritti e cooperazione. Ed è molto bello iniziare dai giovani. Credo che la generazione europea si sia vista molto anche venerdì, nella manifestazione Fridays for Future, ho visto ragazzi davvero motivati, consapevoli, convinti, che hanno proposto messaggi molto chiari”.

Anche il Pd di Milano Metropolitana si mobilita: “La nostra città non può fare a meno dell’Europa e l’Europa non può fare a meno di Milano. Rimanere ancorati e uniti al progetto europeo – afferma la segretario del Pd Silvia Roggiani – è l’unica via possibile per un continente pacifico e un’Italia che progredisce. Già con le primarie abbiamo chiarito qual è il nostro orizzonte, inserendo i colori e le stelle d’Europa nel simbolo”. Stessa, convinta, adesione da parte del Pd di Roma: “Partiamo dalle Università – scrive Andrea Casu – per andare incontro al futuro verso un’Europa più giusta, più forte, più unita contro populismi e nuovi nazionalismi. Costruiamo insieme una nuova Europa del lavoro, dei diritti, della cultura e dei giovani”.

E proprio riguardo all’Europa, domani 21 marzo, Nicola Zingaretti sarà a Bruxelles per una serie di incontri con i leader e i rappresentanti del Pse. Alle ore 12.45 Zingaretti parteciperà all’incontro con i segretari dei partiti della famiglia socialista e dei democratici europei e con i premier. A seguire avrà incontri bilaterali con Sanchez, Costa e Tsipras. Si tratta del primo appuntamento internazionale per il neo segretario del Pd che avrà l’occasione di consolidare il rapporto con la famiglia dei socialisti e dei democratici europei. All’ordine del giorno degli incontri ci saranno alcuni temi a partire dalla Brexit, oggetto del Consiglio europeo che si terrà nella giornata di domani e di venerdì 22 marzo, oltre alle iniziative da intraprendere in vista delle prossime elezioni europee di maggio.

Da - https://www.democratica.com/focus/bandiere-futuro-pd-si-mobilita-leuropa/
Registrato
Pagine: [1]
  Stampa  
 
Vai a:  

Powered by MySQL Powered by PHP Powered by SMF 1.1.21 | SMF © 2015, Simple Machines XHTML 1.0 valido! CSS valido!