LA-U dell'ulivo
Maggio 27, 2019, 07:37:26 am *
Benvenuto! Accedi o registrati.

Accesso con nome utente, password e durata della sessione
Notizie:
 
   Home   Guida Ricerca Agenda Accedi Registrati  
Pagine: [1]
  Stampa  
Autore Discussione: Palazzo Reale di Milano ospita la rassegna dedicata alla raffigurazione dei ...  (Letto 127 volte)
Arlecchino
Global Moderator
Hero Member
*****
Scollegato Scollegato

Messaggi: 5.544


Mostra profilo
« inserito:: Marzo 13, 2019, 06:38:42 pm »

Grandi mostre.

Palazzo Reale di Milano ospita la rassegna dedicata alla raffigurazione dei vegetali e degli animali nei secoli XV- XVII.
A essere esposto è il mirabile ciclo di Palazzo Sormani.

Il meraviglioso mondo della natura - spiegano ai lettori della Domenica i curatori della mostra, Giovanni Agosti e Jacopo Stoppa - è una mostra eccentrica, nata dalla collaborazione di più istituzioni pubbliche milanesi: il Museo di Storia Naturale, il Civico Acquario, la Galleria d'Arte Moderna, le raccolte del Castello Sforzesco e la Biblioteca Sormani. Qui sono conservate le tele seicentesche con gli animali, che costituiscono il cuore dell'esposizione e di cui si auspica un restauro, che il Ministero per i Beni Culturali ha inserito tra quelli finanziabili tramite l'Art Bonus.
Superata una foresta di lettere luminose (come quelle che davano vita al Sogno di una notte di mezza estate di Luca Ronconi), un prologo – distribuito in due sale – affronta, per casi sceltissimi ed esemplari, il tema della rappresentazione degli animali e della cosiddetta natura morta nella pittura occidentale a partire dall'autunno del Medioevo e fino alle soglie del Seicento.
Si arriva così al grande complesso pittorico già nel Palazzo Visconti, poi Lunati, poi Verri a Milano: un unicum di rilevanza europea, dove sono presenti oltre duecento specie di animali e numerosi esemplari di flora, disposti a dare vita a una sorta di panorama, vegliato dalle presenze mitologiche di Orfeo e di Bacco.
Il salone ricostruito in mostra si trovava all'interno di un palazzo milanese, che non esiste più, all'angolo tra le attuali via Monte Napoleone e via Pietro Verri, le cui notizie più antiche risalgono al principio del XVII secolo, quando gli eredi del celebre orafo Eliseo Magoria si trovano a cederlo, tra il 1623 e il 1624, a Carlo Visconti e a suo fratello Giulio Cesare, primicerio del Duomo di Milano.
Nella sala è raffigurato il mito di Orfeo, il cantore della Tracia che, con la sua celestiale musica, incanta gli animali, persino i più feroci. Su una delle pareti corte si trova invece Bacco bambino, scampato alla tragica morte della madre Semele e affidato da suo padre Giove alle ninfe del monte Nisa, in compagnia di un satiro, forse Pan, e di una satiressa.
Nel menu della Domenica molti altri argomenti. Ecco una selezione per i lettori del Sole 24 Ore

Da ilsole24ore.com
Registrato
Pagine: [1]
  Stampa  
 
Vai a:  

Powered by MySQL Powered by PHP Powered by SMF 1.1.21 | SMF © 2015, Simple Machines XHTML 1.0 valido! CSS valido!