LA-U dell'OLIVO
Luglio 24, 2024, 04:39:06 pm *
Benvenuto! Accedi o registrati.

Accesso con nome utente, password e durata della sessione
Notizie:
 
   Home   Guida Ricerca Agenda Accedi Registrati  
Pagine: [1]
  Stampa  
Autore Discussione: Le Province «rinate» tornano al voto. Il caos istituzionale  (Letto 1834 volte)
Arlecchino
Global Moderator
Hero Member
*****
Scollegato Scollegato

Messaggi: 7.761


Mostra profilo
« inserito:: Ottobre 01, 2018, 09:15:18 pm »

PRIMO PIANO
24 Settembre 2018 Il Sole 24 Ore lunedì

Le Province «rinate» tornano al voto

Se un ricercatore straniero fosse a caccia di un case history sull’Italia delle grandi incompiute gli converrebbe soffermarsi sulle Province. Che hanno rappresentato il bersaglio di tutti gli ultimi governi e che, numeri alla mano, sono ancora vive e vegete. Al punto che da qui a gennaio 2019 eleggeranno 47 presidenti e 70 consigli provinciali sui 76 ubicati nelle Regioni a statuto ordinario. Per un totale di 850 poltrone da assegnare con un voto di “secondo livello”. Che non riguarderà cioè i cittadini, ma i sindaci e i consiglieri comunali di zona. E in vista della prima scadenza elettorale, che il milleproroghe ha fissato al 31 ottobre, non mancano i problemi.

Il caos istituzionale

La macchina delle elezioni è partita venerdì scorso con la convocazione dei comizi. Entro dopodomani andranno certificati gli aventi diritto al voto. E qui cominciano le prime “grane”. In teoria, sono candidabili tutti i sindaci e i consiglieri comunali interessati. In pratica, potrà essere coinvolto solo il 38% dei primi cittadini. L’altro 62% non ha i 12 mesi di mandato ancora da svolgere previsti dalla riforma Delrio del 2014 (erano 18 in origine). A quella legge - la 56/2014 voluta dall’allora sottosegretario alla presidenza del Governo Renzi, Graziano Delrio - si deve anche la scelta di prevede una durata diversa per i consigli (2 anni) e i presidenti (4 anni). Risultato: l’election day del 31 ottobre consentirà di riempire tutte le caselle solo a 13 enti sui 47 coinvolti. Gli altri lo faranno a metà o in due tempi come illustra il grafico accanto. Senza contare che nei 29 restanti (per arrivare alle 76 Province delle Regioni a statuto ordinario) si voterà nell’arco dei prossimi 4 anni.

Le possibili vie d’uscita
Che la legge Delrio necessiti di un tagliando è evidente. Anche per il “peccato originale” che l’ha accompagnata. Trasformarle in un’assemblea di sindaci senza gettone era solo il primo tempo del film “Province 2.0”. Ma il secondo non è mai stato proiettato visto che la riforma costituzionale che le sopprimeva è stata respinta con il referendum del 4 dicembre 2016.
Da allora gli enti di area vasta vivono in un “limbo” che il presidente dell’Upi, Attilio Variati, chiede di abbandonare. Guardando avanti: «Non vogliamo tornare alla Provincia di ieri - dice - ma diventare un ente intermedio che assorba le decine e decine di enti intermedi esplosi nel frattempo come le autorità di bacino per l’acqua, l’energia e i rifiuti oppure gli enti di governo provinciale del trasporto pubblico locale». Istanze presentate nei giorni scorsi al sottosegretario alla presidenza del Consiglio, Giancarlo Giorgetti. Che per ora si è limitato ad ascoltare.

In legge di bilancio è difficile che la maggioranza aggiunga un’altra spina alla rosa delle proposte su cui Lega e M5S si dividono. E forse non è un caso che il contratto di governo non dedichi neanche una riga alla vicenda Province.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Pagina a cura di Eugenio Bruno

Da - http://www.quotidiano.ilsole24ore.com/edicola24web/edicola24web.html?testata=S24&edizione=LUNEDI&issue=20180924&startpage=1&displaypages=2
Registrato
Pagine: [1]
  Stampa  
 
Vai a:  

Powered by MySQL Powered by PHP Powered by SMF 1.1.21 | SMF © 2015, Simple Machines XHTML 1.0 valido! CSS valido!