LA-U dell'ulivo
Gennaio 16, 2019, 02:15:55 am *
Benvenuto! Accedi o registrati.

Accesso con nome utente, password e durata della sessione
Notizie:
 
   Home   Guida Ricerca Agenda Accedi Registrati  
Pagine: [1]
  Stampa  
Autore Discussione: L'ingiustizia «Eredità: due anni persi a causa della burocrazia»  (Letto 540 volte)
Arlecchino
Global Moderator
Hero Member
*****
Scollegato Scollegato

Messaggi: 5.284


Mostra profilo
« inserito:: Febbraio 02, 2018, 10:58:24 pm »

L'ingiustizia

«Eredità: due anni persi a causa della burocrazia»

Scomparsa mia madre, ho dovuto attendere ben 2 anni e 4 mesi per ottenere la quota di pensione spettante per successione. Affidata immediatamente la pratica al Caf, dopo sei mesi l’Inps aveva spedito l’avviso di ritiro presso l’ufficio postale all’indirizzo di residenza registrato nei propri archivi. La residenza, tuttavia, era cambiata da oltre 30 anni. La tragedia è che, nel 2017, non esiste interazione tra Inps e anagrafe del comune di Genova, a dimostrazione delle negligenze e delle incompetenze di entrambe le strutture. Presentatomi all’ufficio Inps di Genova Sampierdarena, mi sono sentito dire dagli impiegati che non davano informazioni di persona e avrei dovuto prendere un appuntamento solo attraverso un fantomatico numero verde, al quale non ha risposto mai nessuno! Solo dopo avere minacciato una denuncia ai carabinieri, ho ottenuto finalmente l’attenzione degli addetti e, alla fine, il dovuto. Stipendiati da noi, sicuri nel loro guscio protetto, troppi impiegati pubblici si rifugiano costantemente dietro innumerevoli «non so, non è di nostra competenza». I loro errori, la loro arroganza e inefficienza è sotto gli occhi di tutti. La riforma delle pensioni, non dovrebbe partire dall’età, ma dal licenziamento degli «intoccabili» che hanno tra le mani i destini delle persone oneste.

Fabio Traverso, Genova

Da - http://www.corriere.it/lodicoalcorriere/index/01-02-2018/index.shtml
Registrato
Arlecchino
Global Moderator
Hero Member
*****
Scollegato Scollegato

Messaggi: 5.284


Mostra profilo
« Risposta #1 inserito:: Febbraio 02, 2018, 11:04:17 pm »

31 GENNAIO 2018
Palermo, in fila dall'alba per pagare tributi: spuntano i bagarini

Ore 24, comincia la “prevendita” dei biglietti davanti ai cancelli chiusi di via Enrico Albanese. Ore 4, la lista di carta compilata a mano contiene già una ventina di nominativi. Ore 8,20, il vigilante apre le porte e gli spicciafaccende si precipitano davanti al totem facendo incetta di ticket. Ore 8,30, i primi quaranta sono tutti “assegnati”. Costo dell'operazione: “due-tre euro a numeretto”, allarga la braccia una donna in fila dall'alba per chiedere la rottamazione di una cartella esattoriale. E' il bagarinaggio dei turni, un business che non si può chiamare truffa, in scena all'ufficio tributi di Riscossione Sicilia a Palermo, preso d'assalto da un esercito di 200 persone al giorno a fronte di soli 10 sportelli attivi. L'articolo completo sul giornale in edicola.

(Giada Lo Porto e Giusi Spica)

Da - https://video.repubblica.it/edizione/palermo/palermo-in-fila-dall-alba-per-pagare-tributi-spuntano-i-bagarini/295928/296545?video
Registrato
Pagine: [1]
  Stampa  
 
Vai a:  

Powered by MySQL Powered by PHP Powered by SMF 1.1.21 | SMF © 2015, Simple Machines XHTML 1.0 valido! CSS valido!