LA-U dell'ulivo
Luglio 13, 2020, 07:11:01 am *
Benvenuto! Accedi o registrati.

Accesso con nome utente, password e durata della sessione
Notizie:
 
   Home   Guida Ricerca Agenda Accedi Registrati  
Pagine: [1]
  Stampa  
Autore Discussione: Una legge fatta con cura. Più sicurezza nelle prestazioni.  (Letto 1178 volte)
Arlecchino
Global Moderator
Hero Member
*****
Scollegato Scollegato

Messaggi: 5.866


Mostra profilo
« inserito:: Marzo 10, 2017, 12:23:09 pm »

Una legge fatta con cura
Più sicurezza nelle prestazioni. Più responsabilità per gli operatori sanitari. Rese obbligatorie le strutture di risk management in ogni ospedale. Sarà molto più facile per i cittadini ottenere eventuali risarcimenti in tempi rapidi e certi. Approvata la nuova legge su sicurezza delle cure e rischio clinico.

Dopo una discussione durata più di due anni il pdl Gelli torna in terza lettura alla Camera per l’approvazione definitiva. Il testo della proposta di legge contiene modifiche nelle disposizioni penali e civili in materia di responsabilità professionale dei medici, oltre a novità che riguardano le norme sull’osservatorio per la sicurezza e la trasparenza dei dati, linee guida e obblighi di assicurazione.

Si tratta di un provvedimento atteso da anni da parte degli operatori della sanità in quanto l’assenza di un chiaro inquadramento legislativo su questa materia ha avuto come ricaduta l’enorme costo della medicina difensiva che ha pesato sul nostro sistema salute per 14 miliardi di euro l’anno. L’obiettivo di questo provvedimento è quello di aumentare le tutele dei professionisti prevedendo, al contempo, nuovi meccanismi a garanzia del diritto al risarcimento da parte dei cittadini danneggiati da un errore sanitario.

In particolare la proposta prevede:

Passaggio della responsabilità civile del medico da contrattuale ad extracontrattuale.
Il professionista, infatti, se accusato di aver provocato un danno, potrà rispondere solo di responsabilità extracontrattuale exart. 2043 c.c., senza che possa più profilarsi quella strettamente contrattuale ex art. 1218 c.c. La differenza è che con la responsabilità aquiliana l’onere della prova è in capo al paziente che si ritiene danneggiato e che deve dimostrare la colpa del medico.

Responsabilità civile del medico: scompare il c.d. contatto sociale
Il rapporto medico-paziente, finora, era ricondotto all’interno della responsabilità contrattuale attraverso la teoria del c.d. “contatto sociale”: in virtù della stessa, nonostante il professionista si presentasse come lavoratore alle dipendenze della struttura medico-ospedaliera pubblica, poteva essere tenuto direttamente al risarcimento del danno. Per questo era chiamato a rispondere a titolo solidale, e contrattuale, con la struttura ospedaliera.

Doppio binario: responsabilità del medico e della struttura ospedaliera
La responsabilità contrattuale sarà solo della struttura ospedaliera: il paziente danneggiato potrà ottenere un più sicuro risarcimento, contando direttamente sul soggetto economicamente più solido, sempre che questa non riesca a dimostrare l’assenza di responsabilità, avendo adottato tutte le cautele necessarie per evitare il danno. È bene precisare, però, che di tipo contrattuale resta anche la responsabilità del medico specialista privato. Rientrando nella responsabilità extracontrattuale quella del medico dipendente o convenzionato, il termine per la prescrizione sarà di 5 anni, ed inizierà a decorrere dal momento in cui il paziente sia venuto a conoscenza della riferibilità del danno subito al comportamento colposo del medico, in un rapporto di causa-effetto.

Responsabilità penale del medico
Viene introdotto nel codice penale l’art. 590-sexies (responsabilità colposa per morte o per lesioni personali in ambito sanitario). L’imperizia a causa della quale un paziente subisca un danno è punibile solo se frutto di colpa grave. In particolare, il medico è sollevato da responsabilità penale se dimostrerà di aver rispettato le linee guida o le buone pratiche assistenziali. L’articolo 6 del ddl Gelli, riguardante la “responsabilità colposa per morte o lesioni personali in ambito sanitario” elenca espressamente i fattori che escludono la colpa grave. Nel dettaglio: “È esclusa la colpa grave quando, salve le rilevanti specificità del caso concreto, sono rispettate le buone pratiche clinico-assistenziali e le raccomandazioni previste dalle linee guida come definite e pubblicate ai sensi di legge”. Sul versante penalistico, quindi, il medico potrà essere accusato solo di omicidio colposo o lesioni personali: al di fuori di queste due casistiche, sarà sollevato da qualsiasi responsabilità penale qualora dimostri di aver rispettato le linee guida pubblicate dall’Istituto Superiore di Sanità.

Interventi in aula
Maria Amato - Disposizioni in materia di sicurezza delle cure e della persona assistita, nonché in materia di responsabilità professionale degli esercenti le professioni sanitarie
Federico Gelli - Disposizioni in materia di sicurezza delle cure e della persona assistita, nonché in materia di responsabilità professionale degli esercenti le professioni sanitarie
Donata Lenzi - Disposizioni in materia di sicurezza delle cure e della persona assistita, nonché in materia di responsabilità professionale degli esercenti le professioni sanitarie

Comunicati stampa

Sanità: Gelli, data storica per la sanità italiana
Sanità: Lenzi, legge importante su sicurezza cure e responsabilità professionale
Sanità: Piccione, messa fine a medicina difensiva

Da - http://deputatipd.it/blog/una-legge-fatta-con-cura?utm_source=Facebook&utm_medium=cpc&utm_term=mr&utm_content=ad4&utm_campaign=FB_OS
Registrato
Pagine: [1]
  Stampa  
 
Vai a:  

Powered by MySQL Powered by PHP Powered by SMF 1.1.21 | SMF © 2015, Simple Machines XHTML 1.0 valido! CSS valido!