LA-U dell'ulivo
Gennaio 16, 2018, 02:04:47 *
Benvenuto, Visitatore. Per favore, effettua il login o registrati.

Login con username, password e lunghezza della sessione
News:
 
   Home   Help Ricerca Calendario Login Registrati  
Pagine: 1 ... 9 10 [11]
  Stampa  
Autore Topic: ARLECCHINO Opinionista.  (Letto 6304 volte)
Arlecchino
Global Moderator
Hero Member
*****
Offline Offline

Posts: 3.797


Guarda Profilo
« Risposta #150 il: Ottobre 21, 2017, 12:32:10 »

Se collassa il Sistema dovremo chiederne le ragioni ai "suoi capi", ma ancor meglio dovremmo rifiutare il concetto di continuare ad essere "tifosi" di un Capo o di un Partito.

L'unica strada che molti di noi trovano salvifica è l'aderire, con IL NOSTRO voto in elezioni politiche, non a un Leader, non a un Partito, ma condividendo una presa la responsabilità di un INSIEME politico e sociale riunito per la realizzazione di un preciso PROGETTO quinquennale.   

Da mesi ne proponiamo la sintesi scrivendo del POLO DEMOCRATICO tra il silenzio della genia politica.

Chi ne vuol approfondire i termini e gli scopi?

ggiannig

Da FB del 14/10/2017 - - (Isemplici Cittadini del Polo Democratico).

Loggato
Arlecchino
Global Moderator
Hero Member
*****
Offline Offline

Posts: 3.797


Guarda Profilo
« Risposta #151 il: Ottobre 28, 2017, 11:37:37 »

Danni morali?
La tortura non è solo un danno morale! Noi siamo al fianco delle forze dell'ordine se non manipolate da chi ne vuole fare dei carnefici.

Disubbidire per la difesa dei Cittadini (tutti) è etico per un militare.
Allo stesso modo è etico che il militare si difenda, offendendo, se minacciato di morte.

Il Cittadino in divisa (o riconoscibile come tale) deve essere rispettato nel ruolo che svolge.

ciaooo

Da FB del 26/10/2017 (Bolzaneto)
Loggato
Arlecchino
Global Moderator
Hero Member
*****
Offline Offline

Posts: 3.797


Guarda Profilo
« Risposta #152 il: Ottobre 29, 2017, 09:15:21 »

Gianni Gavioli Il ruolo di Arlecchino (mio nick name) da vent'anni nel web (forum ulivo.it, ilforumista, forum.laudellulivo), è quello di fare comunicazione attraverso rassegne stampe e "provocazioni" di dialogo, stando sulle generali come è corretto agisca una persona qualunque, non colta ma curiosa di conoscere e far conoscere. Il rispetto e la pacatezza devono essere la normalità nello scambio di idee.

Gli approfondimenti li lascio a chi è in grado di farli correttamente, senza tifoserie deleterie.

ciaooo (questa è la mia firma sul web).

Da FB del 29/10/2017
Loggato
Arlecchino
Global Moderator
Hero Member
*****
Offline Offline

Posts: 3.797


Guarda Profilo
« Risposta #153 il: Novembre 04, 2017, 11:20:01 »

E' in atto una operazione di falsificazione della realtà, che pre-tende che noi si confonda una sistematica e protratta azione di violenza sessuale sotto ricatto, con una serie di "palpatine e strusciamenti alla ricerca di momenti di trasgressione non violenta.

I Media ci sguazzano convinti da sempre che i lettori siano micro-umani sciocchi e influenzabili … sbagliano.
 
Sbagliano, avendo ragione … ma soltanto per una parte (non piccola) di persone da recuperare al genere umano normale.

Da La Collina dei Curiosi su FB del 3 novembre 2017. 
Loggato
Arlecchino
Global Moderator
Hero Member
*****
Offline Offline

Posts: 3.797


Guarda Profilo
« Risposta #154 il: Novembre 06, 2017, 10:38:18 »

Io penso sia tempo di prendere atto che gli Italiani non sono una massa compatta di coscienza nazionale (intendo "coscienza" civile e sociale) per il semplice fatto che non riescono (gli Italiani) a valorizzare il molto che posseggono nei valori delle loro differenze.

Per farne un unico patrimonio nazionale occorrerebbe riconoscessero il “particolare” dei valori locali.   

Valore locale non è folklore, ma cultura delle tradizioni.

L’avevano le generazioni passate (i nostri vecchi) oggi si è dispersa non solo la cultura in genere ma anche quella locale   

Da – Fb pensieri di Arlecchino
Loggato
Arlecchino
Global Moderator
Hero Member
*****
Offline Offline

Posts: 3.797


Guarda Profilo
« Risposta #155 il: Novembre 06, 2017, 11:08:39 »

Io penso sia tempo di prendere atto che gli Italiani non sono una massa compatta dotata di coscienza nazionale (intendo "coscienza" civile e sociale). In ragione del semplice fatto che non riescono a valorizzare il molto che posseggono nei valori delle differenze tra loro.

Per farne un unico patrimonio nazionale occorrerebbe riconoscessero ogni “particolare” dei valori locali.
Valore locale non è folklore, ma Cultura delle Tradizioni. Questa cultura, popolare, l’avevano e ne godevano, le generazioni passate (i nostri vecchi).

Oggi si è dispersa non soltanto la cultura in genere (mai consolidata) ma anche quella locale.
Quello che resta del localismo culturale è diventato strumento di fanatici e goffi separatismi, materiale per sketch comici, oppure, nei casi migliori, argomento per incontri presso banchetti eno-gastronomici di piazza.

Le eccezioni esistono, in alcune Regioni, ma sono patrimonio di un numero limitato di Cultori del buono e del bello.

ciaooo

Da FB del 6 novembre 2017
Loggato
Arlecchino
Global Moderator
Hero Member
*****
Offline Offline

Posts: 3.797


Guarda Profilo
« Risposta #156 il: Novembre 07, 2017, 12:25:07 »

Un altro episodio di promozione del CAOS per affrontare (in modo sbagliato e assurdo) problemi che nascono dall'insoddisfazione o da rivendicazioni. A pensarci serenamente sono molti nel Mondo (compresa l’Italia) gli episodi di azioni adatte per generare il Caos.

Un presidente USA per lo meno fuori dal comune, i referendum farlocchi in Europa, i parlamentari litigiosi come avventori sbronzi di un bar, incendi dolosi enormi in aree di malessere, capi di stato con il pallino delle minacce nucleari, scandali sessuali sollevati dopo anni di consuetudine sino ad ora celati, e molto altro ancora.

Cicerone ci chiederebbe a chi giova il Caos?

ciaooo
Da FB del 31/10/2017 (Catalogna in Europa)
Loggato
Arlecchino
Global Moderator
Hero Member
*****
Offline Offline

Posts: 3.797


Guarda Profilo
« Risposta #157 il: Novembre 12, 2017, 12:26:06 »

L'unica apertura credibile che vale la pena sostenere come Elettori è quella legata ad un PRECISO PROGETTO PAESE da svilupparsi nel quinquennio di legislazione.

Leader e partiti devono venire dopo l'accettazione delle cose da fare in Italia e devono diventare "strumenti" dell'attuazione del Progetto.

Unioni e coalizioni elettorali, nel CentroSinistra, di cui oggi si straparla sono l'ennesima presa in giro contro i Cittadini Democratici e le destre più o meno fasciste ne profitteranno.

Tornare ad accettare i ricatti dei "maramaldo della sinistraSinistra" sarebbe masochismo. 

ciaooo
Loggato
Arlecchino
Global Moderator
Hero Member
*****
Offline Offline

Posts: 3.797


Guarda Profilo
« Risposta #158 il: Novembre 16, 2017, 09:25:28 »

La stupidità politica di certi settori ben individuati della politica italiana (la sinistra storica), ha dato agio a questi "fenomeni stellati" pericolosi per la Democrazia e inutili nella soluzione dei problemi che non sanno o non vogliono risolvere.

Incapaci e tendenziosi miscela pericolosa che fa crescere l'estremismo di destra.

ciaooo

Da FB del 14/11/2017
Loggato
Arlecchino
Global Moderator
Hero Member
*****
Offline Offline

Posts: 3.797


Guarda Profilo
« Risposta #159 il: Novembre 24, 2017, 12:08:53 »

Io penso che di vedersi presentare nomi senza un Progetto Vincolante, che li sostenga e li impegnino, gli elettori ne abbiano le scatole piene e facciano trasloco verso l'assenteismo e le posizioni estremiste.

Per questo serve ancora un Renzi come male minore ... quasi tutti gli altri o sono "afflosciati" su posizioni di principio inutili e dannose o sono inchiodati a concetti "rivoluzionari" che senza una rivoluzione violente (e massacra-popoli) servono solo a far crescere la parte peggiore del paese (e dell'Europa fascista e espansionista).

ciaooo

A D. su FB del 24/11/2017
Loggato
Arlecchino
Global Moderator
Hero Member
*****
Offline Offline

Posts: 3.797


Guarda Profilo
« Risposta #160 il: Dicembre 16, 2017, 11:02:04 »

Arlecchino Batocio

20 febbraio alle ore 23:48 ·

Non ho smesso di dichiararmi "Non-ancora-Renziano", ma sento di dover e poter condividerne ciò che, in potenza, ancora può esprimere.
Sono favorevole all'eliminazione, per scissione, di sabotatori dal dissenso immotivato, l'ho già dichiarato e ribadito più volte in FB.


Sono testimone dell'avversione verso il PD oggi e l'Ulivo anni fa, dei "simpatizzanti" della sinistra-Sinistra. L'ho vissuta per mesi (prima della segreteria Renzi) da protagonista di "battaglie" subite nel "forumista.it" (ex ulivo.it), Forum storico nato quasi 20 anni fa, sotto l'Ulivo, e oggi massacrato dalla stupidità di elementi inadeguati nel fare comunicazione nel PD.

Il PD non deve fare passi indietro verso l'ipocrisia, sarebbe un modo indegno di tenere a galla la vecchia politica perdente.

ciaooo

Da – FB del 23/02/2017
Loggato
Arlecchino
Global Moderator
Hero Member
*****
Offline Offline

Posts: 3.797


Guarda Profilo
« Risposta #161 il: Gennaio 14, 2018, 11:35:48 »

Occorsero determinazione, cultura per le belle idee, tempo e molto lavoro, per costruire Venezia, … sarà indispensabile molto impegno, da parte di tutti, per mantenerla “in bellezza”, nell'Italia e nel Mondo.

ggiannig
Loggato
Arlecchino
Global Moderator
Hero Member
*****
Offline Offline

Posts: 3.797


Guarda Profilo
« Risposta #162 il: Gennaio 14, 2018, 11:57:43 »

"Arlecchino, servitore ingenuo"

Goldoni scrive il canovaccio per l’attore Antonio Sacchi, che portava in scena la maschera di Arlecchino.
Lo scrittore nelle sue Memorie racconta questo episodio. Si trova a Pisa, dove sta svolgendo la tranquilla professione di avvocato, quando, a distrarlo e a mettergli tutto il sangue e tutti gli spiriti in moto, giunge una lettera di Sacchi che dimandava una Commedia di cui proponeva solo il soggetto: Servitore di due Padroni; per il resto gli lascia totale libertà (la libertà di lavorare a mio senno). Goldoni è combattuto fra mille dubbi…

Oh che tentazione per me! Sacchi era eccellente Attore, e la Commedia era stata la mia passione. M'intesi a risvegliarsi nell'animo l'antico gusto, il solito fuoco, il solito entusiasmo…Moriva di voglia di provarmi di nuovo, e non sapeva come fare, perché le liti ed i clienti venivano in folla da me. Ma il mio povero Sacchi? ... il Servitore di due Padroni? ... Orsù, ancora per questa volta... ma no... ma sì... Scrivo finalmente la mia risposta, e m'impegno.
Il giorno lavorava pel Foro, e la notte per la Commedia. Finisco quest'ultima, e la mando a Venezia. Nessun lo sapeva, e nessuno era a parte di questo secreto, fuorché mia moglie, che vi aveva patito al pari di me. Vi passava le notti intiere.


La commedia avrà un grande successo che durerà fino ai nostri giorni e verrà messa in scena da grandi attori e registi di teatro, in particolare da Giorgio Strehler. Sarà lui a cambiare il nome di Truffaldino in Arlecchino e a rappresentarlo per la prima volta al Piccolo teatro di Milano nel 1947. Il personaggio di Arlecchino venne affidato a Marcello Moretti e poi a Ferruccio Soleri. Dal 1947 ad oggi le repliche sono state più di 2000.Soleri, di certo l’Arlecchino più famoso, in un’intervista rilasciata al Corriere della Sera (4 dicembre 2012) paragonando se stesso al suo personaggio afferma:

Sono un ingenuo come lui e credo di averne ripreso il senso di umiltà: Arlecchino mi ha insegnato che nella vita non bisogna mai vantarsi troppo.
 
Carlo Goldoni


Opere:
"Il servitore di due padroni"
"Mémoires"

Da - http://www.viv-it.org/schede/arlecchino-servitore-ingenuo
Loggato
Pagine: 1 ... 9 10 [11]
  Stampa  
 
Salta a:  

Powered by MySQL Powered by PHP Powered by SMF 1.1.19 | SMF © 2006-2007, Simple Machines
Traduzione Italiana a cura di SMItalia
XHTML 1.0 Valido! CSS Valido!


Google visited last this page Ottobre 30, 2017, 01:34:12