LA-U dell'ulivo

Forum Pubblico => DOMANISMO: l'IERI, l'OGGI e il DOMANI per i GIOVANI. => Discussione aperta da: Admin - Settembre 25, 2019, 12:39:03 pm



Titolo: Solo studiando le basi della genetica, spiega Guido Barbujani, ...
Inserito da: Admin - Settembre 25, 2019, 12:39:03 pm
Solo studiando le basi della genetica, spiega ai lettori della Domenica il genetista e divulgatore Guido Barbujani, si può discutere senza pregiudizi, e senza scagliare insulti, se per esempio gli Ogm sono nocivi o se ha senso parlare di razze umane.

Il Sillabario di genetica per principianti è stato scritto da Barbujani fra febbraio 2018 e maggio 2019. Tutto nasce dal sentiero stretto su cui oggi si procede quando si parla in pubblico di genetica. Sui temi che ci toccano da vicino, come la diversità umana o gli OGM, le posizioni sono polarizzate; non c'è curiosità per le opinioni altrui, scatta immediatamente l'anatema; lo spazio per un civile dissenso sui temi in discussione si è ridotto, si passa presto agli insulti personali.

Il libro parla di quanto la genetica abbia a che fare con la nostra vita, e anche di quante questioni restino aperte, nonostante i formidabili progressi degli ultimi anni. Ancora non sappiamo dire quanto si nasca intelligenti, o timidi, o affascinanti, o magari propensi a delinquere, o ad ammalarci di certe malattie, e quanto invece lo si diventi.

Ma per riuscire a capirci, e lo dimostrano molto bene le reazioni virulente che abbondano quando se ne parla in pubblico, ci vogliono fondamenta solide. È per questo, ritiene Barbujani, che può tornare utile un testo semplice, appunto un Sillabario; però anche un libro semplice richiede qualche sforzo al lettore. L'autore ha cercato di indorare la pillola raccontando qua e là delle donne e degli uomini che hanno fatto la storia della genetica, perché lo studio dei geni, come tutte le imprese umane, è anche frutto di passioni, simpatie e antipatie, rivalità e collaborazioni.

Ma è come imparare una lingua: per poter leggere Proust bisogna cominciare con la grammatica. Barbujani ammette di avere belle pretese: pretende infatti che i lettori, a letto o sul sofà, si concentrino, diciamo, su come e perché si formano le ali dei moscerini.

Però serve: serve perché capendo le basi della genetica si può poi passare a discutere seriamente se sia vero o no che gli OGM sono pericolosi, se i nostri geni condizionino le nostre preferenze sessuali, o se abbia senso per l'uomo una classificazione in razze.

Da ilsole24ore.com